CASELETTE, INAUGURATO IL NUOVO ANNO DELL’UNITRE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image

di PINO SCARFÒ

CASELETTE – Salone Magnetto gremito per assistere all’inaugurazione del nuovo anno accademico dell’Unitre di Caselette, Pianezza e Alpignano. Esordisce il presidente Giuseppe Galliano, ringraziando il sindaco, Pacifico Banchieri, per l’ospitalità dell’evento, i soci, gli organizzatori dell’iniziativa e gli insegnanti. Citando alcuni dati, ricorda che lo scorso anno accademico si è concluso raggiungendo la quota di 887 soci e sono stati eseguiti sessanta corsi nei tre Comuni.

“L’Unitre è un’associazione di umanità che permette alle persone di conoscersi e stare bene insieme, oltre alle attività che si possono svolgere”. Conclude citando una celebre frase di Pablo Picasso: “Ci vogliono molti anni per diventare giovani”.

Gli fanno eco le due direttrici dei corsi, Teresa Bonauto e Carla Scapitta che presentano i nuovi corsi di psicologia, metamedicina, bonsai, sociologia, pittura su vetro, taglio, cucito e ricamo e alcune conferenze sullo sviluppo sostenibile, lo sport, la meteorologia e il risorgimento italiano.

Salgono sul palco il vice sindaco di Pianezza, Virgilio Virano, che definisce l’Unitre una delle più belle e significative associazioni che ci sono in ambito nazionale; il vice sindaco di Alpignano, Giovanni Brignolo, che evidenzia nei soci la passione e la curiosità di sapere, “ed è ciò che muove il mondo”; e il sindaco Banchieri, che ringrazia i soci dell’associazione per aver scelto il salone Magnetto per l’inaugurazione del nuovo anno accademico, offrendogli l’opportunità di utilizzarlo per altre iniziative. Inoltre ringrazia i suoi predecessori per l’apertura della sezione caselettese e, soprattutto, per l’unione con le sezioni di Pianezza e Alpignano: “Le iniziative sono meglio strutturate e i costi da supportare sono inferiori per ogni singolo Comune. Questo è un importante esempio da portare avanti”. Termina ringraziando i soci della sezione caselettese per quanto fatto finora.

La manifestazione è proseguita con la commedia musicale ‘La bella addormentata nel chiosco’, una libera interpretazione della favola ‘La bella addormentata nel bosco’, proposta dall’associazione Icona di Pianezza, nata per mettere in scena commedie musicali e per favorire la raccolta fondi per progetti di solidarietà organizzati dalle associazioni. “È una commedia musicale con brani famosi riadattati. Abbiamo personalizzato la favola rendendola divertente, emozionante e nel frattempo offriamo spunti di riflessione”; spiega Massimo Ferrarotti, presidente dell’associazione e autore del copione. Le coreografie sono di Fiammetta Parri, Francesca Milone e Valerio Visconi, gli arrangiamenti musicali e i cori di Andrea Manzato e Paolo Sicchetta, la recitazione è stata seguita da Duilio Brio.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.