CESANA, EDUCAZIONE FISICA A DISTANZA PER I BIMBI DELLA SCUOLA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dalla DIREZIONE DIDATTICA “P.P. LAMBERT”

CESANA TORINESE – I bambini della scuola dell’Infanzia e Primaria di Cesana Torinese stanno in queste settimane sperimentando, grazie alla didattica a distanza, un modo diverso di svolgere le lezioni di educazione motoria, che si sono ormai trasformate in un momento di allegro incontro sulla piattaforma Gsuite, messa a disposizione dalla Direzione Didattica “Lambert” per superare questo momento di sospensione forzata dell’attività scolastica in presenza.

Il tutto è stato reso possibile grazie all’iniziativa di un genitore, Matteo Cadei, esperto volontario che da anni collabora con la sezione della scuola dell’Infanzia con il progetto “Giocomotricità”. Da quest’anno avrebbe dovuto allargare la sua attività alla scuola Primaria, proprio nel secondo quadrimestre, con lezioni di atletica per gli alunni più grandi.

Purtroppo il Covid-19 ha temporaneamente cancellato questa opportunità, ma non ha fermato del tutto il progetto. Infatti, sotto la supervisione dei genitori e delle insegnanti, sono iniziate in video collegamento, le lezioni di educazione fisica a distanza.

Da mercoledì 22 aprile dunque, con cadenza settimanale, tutti i bambini della scuola di Cesana Torinese, dai più piccoli ai più grandi, svolgono mezz’ora di gioco e di sport davanti al computer di casa, in video collegamento con i compagni e gli insegnanti. Benché le criticità della linea di connessione, spesso sovraccarica, interrompano ogni tanto l’utilizzo della piattaforma, rendendo il collegamento faticoso, i bambini, entusiasti, hanno dimostrato di gradire l’iniziativa e partecipano con gioia ed energia a questa insolita forma di attività fisica.

La voglia di tornare a giocare davvero insieme certamente è tanta, ma questa piccola iniziativa, resa possibile soprattutto dalla generosa disponibilità e alla preziosa collaborazione di Matteo Cadei, papà istruttore, aiuta comunque a sentirsi tutti più vicini e a non smettere di “essere scuola”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.