CHIUSA SAN MICHELE, ABBANDONANO I RIFIUTI: MULTATI ALCUNI CITTADINI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di ANDREA MUSACCHIO

CHIUSA SAN MICHELE – L’amministrazione comunale di Chiusa San Michele ha intensificato i controlli sul tema dell’abbandono dei rifiuti e sul conferimento non corretto nei cassonetti delle isole ecologiche sul proprio territorio. I risultati sono positivi, in quanto alcuni responsabili sono stati già individuati e sanzionati grazie anche alla collaborazione tra i cittadini, il Comune e la polizia locale. Le multe, per chi abbandona i rifiuti, partono da un minimo di 50 euro ad un massimo di 500.

Il sindaco di Chiusa San Michele, Fabrizio Borgesa, ha voluto ringraziare i suoi cittadini, i quali quotidianamente si impegnano per migliorare il paese: “Come ci sono delle persone che abbandonano dei rifiuti (nei cassonetti della differenziata si trova di tutto), molti cittadini, di loro iniziativa, prendono e spostano i rifiuti sistemandoli negli opportuni spazi. Questo gli fa molto onore”.

Per noi il tema dei rifiuti è fondamentale – prosegue Borgesa – siamo determinati ad incentivare tutto quello che porta meno rifiuti e a migliorare la differenziata. Migliorare la raccolta vuol dire che i rifiuti vengano conferiti nei posti corretti. Stiamo cercando di combattere in tutti i modi l’abbandono dei rifiuti in giro nel paese, nei prati e nelle strade di campagna. Anche perché questo, oltre ad un miglioramento per l’ambiente, comporta una riduzione dei costi della raccolta, dello smaltimento. Se diminuiscono i costi, diminuiranno anche le tariffe che i cittadini dovranno pagare. Si crea un circolo virtuoso che porta dei benefici a tutti quanti“.

Il comune valsusino, inoltre, è dotato di diverse telecamere in alcuni punti nevralgici del paese. In questo modo è più facile risalire ai responsabili: “Attualmente le telecamere le abbiamo davanti al Comune, nella piazza della chiesa parrocchiale, in modo che possano controllare anche l’area ecologica. Abbiamo una telecamera in piazza della Repubblica e due davanti alle scuole elementari. A volte, grazie alla segnalazione dei cittadini, i vigili urbani effettuano dei controlli e, una volta risaliti ai responsabili, partono con le sanzioni“.

 

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

2 COMMENTI

  1. Alcuni l’unica cosa che capiscono sono le sanzioni!!! Non parliamo poi di quelli che pensano che con quello che si paga di TARI non sia necessario differenziare!!!

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.