CHIUSA SAN MICHELE, POLEMICA SULLE TELECAMERE IN PAESE: “COME AL GRANDE FRATELLO”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

COMUNICATO DEL GRUPPO DI OPPOSIZIONE DI CHIUSA SAN MICHELE

“Il Sindaco e la sua maggioranza vogliono controllare tutti i Chiusini come nel grande fratello invece di installare impianti di videosorveglianza nei luoghi con maggiore criticità”. Il gruppo di maggioranza ha votato contro una mozione del gruppo di minoranza “Chiusa Avanti” nel Consiglio Comunale di martedì che chiedeva l’installazione di un impianto di videosorveglianza in Piazza Cooperativa Agricola a causa dei ripetuti atti vandalici, che avvengono da mesi, subiti dai proprietari delle auto parcheggiate.

Il capogruppo Riccardo Cantore.

“Non è comprensibile come una maggioranza, che nel suo programma ha evidenziato l’intento di inserire impianti di videosorveglianza per la sicurezza dei cittadini, non abbia approvato la nostra mozione che chiedeva al Sindaco e alla Giunta il posizionamento dell’impianto in Piazza Cooperativa Agricola a causa dei ripetuti atti vandalici che avvengono da mesi a danno dei proprietari delle auto parcheggiate.

Durante il consiglio ci sono state elencate una serie di criticità che da parte della maggioranza comporterebbero l’utilizzo di impianti di videosorveglianza, come i continui furti avvenuti negli ultimi mesi presso le abitazioni o il presunto spaccio nelle torrette della passeggiata di via Maritano Felice. Riteniamo che queste problematiche debbano essere affrontate dalle Forze dell’Ordine, non di sicuro da telecamere che dovrebbero essere piazzate in tutto il paese per poter essere utili, mandando a benedire la privacy di tutti i Chiusini”.

La consigliera Alessia Leuzzi

“La motivazione che non siano formalmente pervenute delle denunce presso gli organi competenti non può negare l’evidenza dei fatti, le auto vengono ripetutamente danneggiate con atti vandalici da mesi e i Chiusini continuano a subire. Inoltre non si può elencare nelle criticità che si considerano importanti quella della deiezione dei cani. Gli strumenti da utilizzare per risolvere il problema sono ben altri, come l’aumento dei cestini dedicati e il controllo del corpo di Polizia Municipale, piuttosto che utilizzare telecamere da piazzare anche qui in tutto il paese”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

3 COMMENTI

  1. Le telecamere costano meno ,sono efficaci,non hanno manutenzione,ecc
    .. invece aumentare il corpo di Polizia costerebbe decisamente di più.
    Siamo alle solite,sperperiamo denaro in rotonde inutili, marciapiedi che non servono a niente e poi economiziamo sulla sicurezza delle persone.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.