CICLISMO, ECCO IL GIRO DELLA VAL SANGONE: SI PARTE IL 2 OTTOBRE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

 

dall’UFFICIO SEGRETERIA DAI IMPRESA

VAL SANGONE – La promozione del territorio passa anche dagli eventi sportivi e l’Unione Val Sangone, che è ai blocchi di partenza con un’ampia progettualità turistico-culturale improntata su un rinnovato storytelling, punta sul ciclismo. Accogliendo la proposta della Ciclistica Rostese, una storica realtà del ciclismo dei nostri territori con esperienza ultra-cinquantennale e un credito conquistato a livello nazionale, che si qualifica per una grande attenzione ai giovani, patrocinerà un’intera giornata all’insegna del pedale. Il 2 ottobre prossimo, infatti, la Valle ospiterà due competizioni: una regionale (il 1° Memoriale Walter Martin, categoria Juniores) e una nazionale (riservata alla categoria Under 23 Elite) che ha l’ambizione di diventare un appuntamento fisso nel calendario della Federazione: il Giro della Val Sangone. La società organizzatrice evidenzia che “questa valle ha una grande potenzialità come scenario di sicuro impatto, visto anche il lavoro che le amministrazioni locali e l’Unione stanno portando avanti per valorizzarlo”. Un evento sportivo che vuole, all’insegna del verde dei boschi e del blu delle acque, porre in risalto una declinazione d’immersione esperienziale.

La doppia competizione, per la quale si prevede la partecipazione di oltre cento tra i più promettenti atleti del ciclismo giovanile, è vista come un rilevante momento di promozione territoriale (anche dal punto di vista mediatico). Ecco perché la corsa, che toccherà tutti i sei paesi della Val Sangone e che ha avuto anche il supporto del gruppo DAI Impresa, ha ricevuto il patrocino dell’Unione Montana dei Comuni. Come spiega il presidente Alessandro Merletti, “Un avvenimento sportivo come questo, organizzato da un player di rilievo del mondo ciclistico come quello presieduto da Massimo Benotto, è anche una modalità per mettere in luce i valori paesaggistici e storici del nostro territorio, portando così un contributo importante alla nostra azione di promozione turistica che si rivolge a quanti cercano una fruizione dolce e immersiva”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.