CITTÀ METROPOLITANA: SONO CINQUE I CANDIDATI VALSUSINI. AMPRINO, BLANDINO, BORGIS, CARENA E PINARD: LA VALLE RIUSCIRÀ AD ELEGGERE UN RAPPRESENTANTE?

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

Saranno ben cinque i candidati valsusini alle elezioni della nuova Città Metropolitana, ente che sostituisce la Provincia di Torino. Ma la domanda è: questo scontro “fratricida” permetterà alla Val Susa di eleggere almeno un consigliere in rappresentanza del territorio? In pole position ci sarebbe Mauro Carena, ma potrebbero esserci sorprese.

Tre candidati locali sono nella lista che vede alleati Pd, Forza Italia e Nuovo Centro Destra: il sindaco di Villar Dora Mauro Carena (proposto in quota Pd dai sindaci No Tav della bassa Valle), l’ex sindaco di Susa Gemma Amprino (proposto dal partito di Alfano) e Renzo Pinard (nome proposto da Forza Italia).

Altri due candidati valsusini sono invece nella lista presentata da Lega Nord e Fratelli d’Italia: il sindaco di Bardonecchia Roberto Borgis e il sindaco di Rubiana Gianluca Blandino (entrambi del partito di destra).

Paradossalmente, ma non si tratta di una scelta casuale, il Movimento 5 Stelle nella sua lista non ha candidato nessun consigliere comunale di Valle No Tav. Probabilmente per non nuocere alla candidatura di Carena, proposto come sindaco No Tav dal gruppo di amministratori della Bassa Val Susa.

D’altro canto, gli attivisti del Movimento 5 Stelle in Val Susa, sostenuti anche da alcune liste civiche No Tav, hanno invece lanciato la candidatura di un consigliere comunale “confinante” con la Valle: si tratta di Dimitri De Vita, capogruppo di minoranza a Rosta (paese vicino, che non fa parte della Valle di Susa).

Bisogna capire se questa strategia di presentare più candidati dalla stessa Valle, servirà davvero ad ottenere che a Torino sieda almeno un consigliere che rappresenti il territorio.

Avranno diritto al voto circa 3800 tra Sindaci e Consiglieri comunali in carica a Torino e Provincia: con voto ponderato e preferenza ponderata eleggeranno i 18 componenti del Consiglio Metropolitano, in rappresentanza dei 315 Comuni.

Se già il voto dei consiglieri valsusini sarà “debole” e avrà meno peso rispetto a quello di chi amministra Comuni della cintura e paesi più grandi, avere più candidati di certo non aiuterà all’obiettivo di dar voce alla Val Susa.

Dal punto di vista politico, il fronte più spaccato in Valle è quello del centrodestra, dove a contendersi il voto ci sonoben 4 candidati della stessa area, come gli ex sindaci Sì Tav Pinard, Amprino e Ruzzola, o lo stesso Roberto Borgis (che punta a raccogliere consensi tra i paesi dell’Alta Valle)

Il centrosinistra e i No Tav di Valle invece si sono trovati sul nome unico di Mauro Carena, considerato da sempre un sindaco No Tav “dialogante”, con un passato da militante delle Lega Nord, per poi finire nei “Moderati”, e ora sostenuto pure dal Pd. Prima di fare il sindaco di Villar Dora, era stato per 10 anni sindaco di Moncenisio e per 5 anni presidente della Comunità Montana Alta Val Susa con un maggioranza di centrodestra negli anni delle Olimpiadi (elezione possibile dopo che riuscì a far spostare in alta Valle i paesi di Moncenisio e Meana).

Ecco i nomi di tutti i candidati alla Città Metropolitana dei tre schieramenti.

Lista “Città di Città” (Pd-Moderati-FI-Ncd): Michele Paolino, Mimmo Carretta, Lucia Centillo, Domenica Genisio, Vincenzo Barrea, Roberto Montà, Alberto Avetta, Francesco Brizio, Mauro Carena, Claudio Martano, Antonella Griffa, Eugenio Buttiero, Barbara Cervetti, Andrea Tronzano, Eugenio Gambetta, Rosanna Giachello, Renzo Pinard e Gemma Amprino.

Lista Movimento 5 stelle: Marco Marocco, Dimitri De Vita, Sergio Grosso, Mario Perino, Davide Bugli, Cinzia Tortola, Andrea Favilli, Elisa Pirro, Cristian Corrado, Anna Merlin e Silvia Cossu.

Lista Alternativa per il territorio (FdI-Lega): Fabrizio Bardella, Dante Bianco Levrin, Gianluca Blandino, Roberto Borgis, Giuseppe Colace, Paolo Giardino, Massimiliano Pampaloni, Cesare Pianasso, Francesco Rustichelli, Costantino Salaris e Virgilio Virano.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

2 COMMENTI

  1. Non sapevo di essere in val Camonica.
    Dimitri De Vita
    Assolutamente contrario ad un crimine contro le genti qual’è il TAV in Val Susa
    Consigliere Comunale M5S
    Capogruppo nel Comune di Rosta
    Candidato alla Città Metropolitana.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.