COLLABORAZIONE TRA GLI OSPEDALI DI SUSA E BRIANCON: AI FRANCESI 100MILA EURO DI BUDGET PER I PRIMI PROGETTI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dall’UFFICIO STAMPA DELL’ASL TO3

COLLEGNO – Si è svolto giovedì 19 luglio presso il centro ospedaliero di Briançon, l’incontro del Comitato di Pilotaggio (CoPil) del progetto europeo Alcotra Prosantè che, ricordiamo, nasce con l’obiettivo principale di creare le condizioni per una sanità senza frontiere nell’ambito di un contesto alpino tra alta Val Susa e alta Savoia.

La componente francese del comitato ha salutato felicemente la riconferma del dottor Boraso alla guida della AslTo3, sottolineando come questo aspetto costituisca un elemento di forza (quello della continuità) per il progetto, anche alla luce l’ottimo rapporto umano e professionale stabilitosi tra i vertici organizzativi delle due istituzioni sanitarie.

Si è trattato di un incontro importante in quanto l’organismo di governo strategico del progetto è stato impegnato nel condividere e validare il processo di selezione dei partecipanti alla gara per la realizzazione di quattro importanti lotti del progetto, in particolare quello dedicato alla consulenza sugli aspetti giuridico normativi che sono alla base della gestione transfrontaliera dei pazienti.

Nel rispetto della normativa francese che prevede che gli esiti della valutazione non possono essere resi noti prima di undici giorni dalla data dell’incontro di oggi, non è possibile rivelare alcunché sui contenuti specifici di questa riunione di assegnazione dei quattro principali lotti del progetto, che complessivamente valgono circa 100.000 euro a carico del budget assegnato al capofila del progetto, ovvero l’ospedale di Briançon.

Il gruppo di lavoro ha poi proseguito nella analisi dei principali percorsi diagnostico terapeutici proposti dal Comitato tecnico del progetto (CoTech) che saranno alla base della sperimentazione e che consentiranno le prime forma di collaborazione tra i professionisti e i clinici delle due realtà sanitarie transfrontaliere.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.