COLTIVARE LE NOCCIOLE IN VALSUSA: DOMANI A VILLARFOCCHIARDO SI PRESENTA IL PROGETTO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

linsole 002
di MARIO RAIMONDO

Un dilemma che potrebbe affliggere la folta schiera dei golosastri è: ma sarà nata prima la nocciola o la nutella? Sicuramente la risposta non ammette dubbi o tentennamenti: è nata prima la nocciola e la nutella è una delle piacevoli conseguenze dei frutti del noccioleto. Anche qui in valle, grazie ad una felice intuizione della Cooperativa “La Maruna” e del suo ex presidente Roberto Rocci, la coltura del nocciolo sta prendendo piede.
linsole 001
Cose sperimentali, per amor di verità, ma che stanno piano piano prendendo corpo dando una prospettiva ad una coltivazione che è passata da “idea campata in aria” a quella di “radici ben piantate nella terra”.
A tutt’oggi, sono ben 1.300 le pianticelle messe a dimora da una trentina di produttori, in più Comuni della zona. Uno dei primi posti nella valle dove si sta sperimentando la coltura del noccioleto è Bussoleno e qui diverse persone hanno intrapreso questa coltivazione, su terreni che altrimenti avrebbero corso il rischio di venire abbandonati al gerbido.
linsole 006
Le loro storie hanno tratti comuni e un unico sentimento, che si potrebbe chiamare di ‘amore’ per la terra. Racconta Paolo Bregni che, con la moglie Antonella Zoggia, ha l’impianto più grande della zona: “Il terreno su cui abbiamo piantato le nostre piantine era in parte incolto e vedere quei rovi trionfanti ci rattristava… Quando abbiamo saputo della possibilità di coltivare il nocciolo, scoprendo tra l’altro che la zona è area vocata all’IGP – ovviamente nel rispetto del disciplinare di produzione – ci siamo imbarcati in questa avventura. Oggi questa scelta ci sta dando delle soddisfazioni: le giovani piantine promettono bene e soprattutto dicono che la possibilità di una corilicoltura nella nostra valle è possibile e sostenibile”.
linsole 009
A Bussoleno altre sette persone, contagiate dall’entusiasmo di Paolo Bregni, stanno percorrendo la via del nocciolo. Tra di loro i coniugi Philippe e Nicole Cougoule, francesi di Lione, (Nicole è però originaria di Bussoleno) che nell’appezzamento hanno piantato un piccolo noccioleto.
Anche Walter Gontero è della partita: nel suo appezzamento in regione Arbrea, mostra con orgoglio il noccioleto che prospera nel prato tra l’erba fresca di fine estate. “Per fare il punto sullo stato dell’arte – chiosa Aldo Pognant, presidente della Cooperativa “La Maruna” – domani sera, 25 Settembre alle ore 21.00, presso il Centro Anziani di Villarfocchiardo, terremo una riunione ad hoc per presentare il progetto del nocciolo Valsusa. Ci saranno anche i tecnici dell’Ascopiemonte che seguono sin dall’inizio il progetto al quale la nostra cooperativa tiene in particolar modo, dal momento che andremo a commercializzare il prodotto. Un prodotto che tra l’altro è ricercato dal mercato dell’industria dolciaria, che proprio qui in Piemonte è epigona di grandi maestri pasticceri e che può creare potenziale reddito su quei terreni, che oggi non producono nulla”.
Pensare ad una valle con tanti noccioleti, in fondo non è davvero male… Come dire Nocciola Tonda Gentile… soprattutto di Valsusa.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.