CONDOVE, I BIMBI DELL’ASILO IN GITA ALL’ECOMUSEO DEL FREIDANO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dalla SCUOLA “A.PERODO”

CONDOVE – I bimbi della scuola dell’infanzia “Angelo Perodo” di Condove, con le loro maestre e le collaboratrici
scolastiche, sono partiti alla volta della prima uscita didattica dell’anno scolastico venerdì 29 marzo di buon mattino. Dopo un confortevole viaggio in pullman, diretto nel Comune di Settimo Torinese, gli alunni sono stati accolti dalle guide Giada e Martina all’interno dell’Ecomuseo del Freidano, un edificio nato negli anni Ottanta e intitolato al Rio Freidano, storico corso d’acqua del territorio, e che si sviluppa intorno alle atmosfere e ai luoghi di lavoro che un tempo caratterizzavano la vita in funzione del torrente.

Proprio da questo argomento è iniziata e si è sviluppata la visita e la riflessione circa i mestieri che necessitano della presenza dell’acqua, come quello del pescatore, delle lavandaie e così via. Acqua che però purtroppo, soprattutto negli ultimi tempi, troviamo sempre più sporca e inquinata da una quantità sempre maggiore di rifiuti abbandonati dall’uomo. I rifiuti, però, possono trovare nuova vita, ed essere utilizzati, anziché sprecati, per costruire oggetti utili o artistici.

Dopo aver visitato alcune aree del museo, quindi, divisi in gruppi i bambini hanno partecipato ad alcuni laboratori durante i quali hanno avuto l’opportunità di dare un nuovo scopo ad alcuni rifiuti: con le cannucce hanno costruito delle coloratissime tende, e con dei rotoli di cartone un paio di bastoni della pioggia da portare all’asilo.

Infine nel pomeriggio, nelle confezioni di cartone delle uova portate da casa, riempiendole di terra, hanno potuto seminare fagiolini, basilico, origano e tanto altro, trasformandole quindi in divertenti vasetti.

Approfittando della bella giornata, inoltre, è stato possibile a tutta la scolaresca visitare il giardino adiacente il museo, che si sviluppa intorno al torrente Freidano, dove sorgono alcune costruzioni inerenti alla vita legata al corso d’acqua, nonché uno spazioso parco giochi.

Terminati i laboratori e le visite, col pullman carico degli oggetti creati durante la giornata, tutti i bambini assieme alle collaboratrici ed insegnanti sono tornati a casa stanchi, ma arricchiti di una nuova e importante esperienza.

L’opportunità offerta ai bambini dalla visita all’Ecomuseo del Freidano è resa ancora più proficua dal fatto di aver già affrontato in precedenza l’argomento riguardante il rischio causato dall’abbandono dei rifiuti: infatti la storia della “Gabbianella e del Gatto” di Luis Sepulveda, che fa da sfondo alle attività didattiche dell’anno scolastico in corso, tratta proprio del problema e dei rischi causati dall’inquinamento.

Dalla riflessione in aula con le loro insegnanti, i bambini hanno potuto approfittare dell’esperienza diretta presso
l’Ecomuseo, vedendo coi propri occhi e sperimentando in prima persona le alternative a una vita ecologicamente poco sostenibile.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.