CONDOVE, UN NUOVO PARCO PER RIQUALIFICARE L’EX AREA DEL CAMPO DI CALCIO: IL CONCORSO DI IDEE DEL COMUNE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

 

CONDOVE – Il Comune ha indetto un concorso di idee per riqualificare l’area centrale del paese, occupata dall’ormai ex campo di calcio. Il bando è visibile sul sito del Comune ed è rivolto ad architetti e ingegneri abilitati alla professione, che potranno presentare le loro proposte entro il 19 febbraio (alle ore 11). Entro il 29 marzo sarà proclamato il vincitore del concorso, con la pubblicazione della graduatoria definitiva e gli altri documenti della commissione giudicatrice. Il costo stimato dei lavori è di 1 milione di euro, al netto dell’Iva e compresi gli oneri per la sicurezza.

I vari progetti di riqualificazione del centro di Condove dovranno basarsi sulle proposte emerse dalla consultazione popolare avviata con i cittadini condovesi nel giugno 2017.

Sul bando si leggono i dettagli dell’iniziativa: “L’area urbana interessata dal concorso di idee ha un’estensione di circa 9.300 mq ed è situata nel cuore di Condove, all’interno del trapezio formato da via Roma, viale Bauchiero, via Cesare Battisti e piazza Martiri della Libertà. È occupata dall’ex campo da calcio, con relative gradinate, spogliatoi e depositi. Sul lato di via Cesare Battisti sono interposte la piastra per il basket “Luca Moletto” e la chiesa di San Rocco con relativo giardino; sul lato di via Roma e piazza Martiri della Libertà sono interposte proprietà private, il campo da bocce coperto, i campi da bocce all’aperto, l’edificio ospitante la Biblioteca comunale e le scuole elementari; sul lato di viale Bauchiero, l’area dell’ex campo sportivo confina con l’area pedonale del viale”.

Sul bando sono state pubblicate anche le “dieci idee in campo”, frutto della consultazione con la cittadinanza, che vi riportiamo qui sotto.

  • La destinazione preferita è quella di un parco multifunzione, dove all’interno possano essere inserite aree e strutture di diversa destinazione, ma con lo scopo comune di stimolare l’aggregazione sociale e intergenerazionale.
  • Il nuovo parco dovrebbe essere collegato alle tre vie principali del centro (viale Bauchiero, via Cesare Battisti e via Roma) con dei percorsi pedonali di cui, almeno un ingresso, possa consentire nell’evenienza il transito di mezzi di soccorso o speciali (ad esempio per la manutenzione oppure l’allestimento di eventi). È inoltre presente un possibile collegamento con piazza Martiri della Libertà, tra l’edificio della Biblioteca e l’edificio della Scuola Elementare.
  • Il nuovo parco dovrebbe essere ben inserito nel contesto già esistente ed essere quindi collegato in modo adeguato con l’attuale area del bocciodromo, la piastra polivalente e il parco della Chiesa di San Rocco.
  • L’area dovrebbe essere per lo più verde, con la presenza di alberi, aiuole e panchine, cestini per i rifiuti, e almeno una fontana potabile: gli arredi dovrebbero essere di facile manutenzione e il più possibile duraturi nel tempo.
  • Il parco potrebbe contenere uno spazio giochi per bambini, collegato con la scuola primaria in modo da consentirne la fruizione anche da parte degli studenti, caratterizzato da una peculiarità che ne stimoli la fruizione anche da fuori paese, ad esempio con giochi sensoriali o per disabili. L’installazione di uno spazio giochi all’interno di questa area presuppone una diversa destinazione dell’attuale parco giochi di via Grandi, che risulterebbe troppo vicino: è possibile pensare anche allo spostamento degli attuali giochi per una ricollocazione nella nuova area, se ritenuti idonei.
  • Il centro aggregativo del parco dovrebbe essere un’area semicoperta per spettacoli ed iniziative culturali, eventualmente con struttura ad anfiteatro per il pubblico, se ritenuta funzionale allo scopo, che tenga in considerazione la vicinanza con le abitazioni e il relativo problema acustico.
  • Per stimolare l’aggregazione dei giovani, si potrebbe valutare l’ampliamento agli attuali spogliatoi della piastra polivalente con la creazione di un centro di aggregazione giovanile.
  • Nel parco andrebbe delimitata un’area sportiva con un campetto multisport (almeno per calcio e pallavolo), sempre aperto e illuminato, e un tavolo da ping-pong. I vialetti pedonali di collegamento potrebbero diventare anche un percorso fitness, con l’installazione di alcuni attrezzi ginnici. L’attuale destinazione degli spazi destinati al gioco delle bocce (bocciodromo e campi) dovrebbe essere mantenuta compatibilmente con il nuovo assetto generale dell’area, valutandone eventuale spostamento, rimodernamento o razionalizzazione per un uso non esclusivo.
  • Tutta l’area dovrebbe essere sottoposta ad un sistema di videosorveglianza diurna e notturna.
  • L’intera area dovrebbe essere progettata limitando il più possibile la cementificazione del suolo e valorizzando l’uso delle energie rinnovabili.
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.