CONTINUANO I LAVORI AL COLLE DELLE FINESTRE E AL COLLE DELL’ASSIETTA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dalla CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO

TORINO – I cantonieri del Circolo di Perosa Argentina della Direzione Viabilità 2 e gli operatori del Centro mezzi meccanici della Città Metropolitana di Torino proseguono i lavori in vista della riapertura estiva della Strada Provinciale 173 del Colle dell’Assietta, prevista a fine giugno.

Ogni anno alla fine della primavera si procede alla rimozione delle slavine, dei massi e del pietrisco presenti sulla carreggiata sterrata, e alla sistemazione della segnaletica verticale danneggiata dalle nevicate e dalle slavine invernali nel tratto di competenza della Città Metropolitana, da Pian dell’Alpe di Usseaux al Colle Basset, al confine del territorio del Comune di Sestriere.

La Direzione Viabilità 2 della Città Metropolitana gestisce un tratto di 29 chilometri, mentre il Comune di Sestriere si fa carico dei sette chilometri del tratto che dal Basset termina all’incrocio con la Provinciale 23. Le lavorazioni sono state agevolatedalle masse nevose inferiori a quelle presenti negli anni scorsi e dall’assenza di frane o gravi crolli di manufatti.

È tuttavia emersa una situazione di instabilità di due muri di sostegno a circa due chilometri da Pian dell’Alpe, in località Pian dei Cerena. Dopo la valutazione della stabilità, sono stati programmati gli interventi di ricostruzione. Le acque piovane di scolo hanno inoltre creato una condizione di particolare esposizione della massicciata stradale nel tratto di 12 km da Pian dell’Alpe al Colle dell’Assietta, in cui la carreggiata si presenta molto accidentata e disagevole, rendendo necessario un intervento di ricarica del piano viabile con la stesa di materiale stabilizzato.

La seconda fase dei lavori viene eseguita dai cantonieri del Circolo di Perosa della Direzione Viabilità 2 e dal personale del Centro mezzi meccanici della Città Metropolitana con una pala cingolata che, a differenza di quella gommata impiegata nella prima fase (versatile e veloce negli spostamenti e nello sgombero neve), garantisce una finitura migliore, in particolare nella stesa dei materiali di ricarica e nel livellamento della sede viabile. Essendo tuttora in vigore l’ordinanza di chiusura fino al 30 giugno, è vietato percorrere la Provinciale 173, anche nei tratti già liberi dalla neve, per motivi di sicurezza e per non ostacolare le operazioni dei cantonieri e dei mezzi meccanici.

L’unico tratto che è stato riaperto da martedì 16 giugno è quello compreso tra il km 34 (bivio con la strada comunale di Balboutet di Usseaux) e il km 36 (bivio con la Provinciale 172 del Colle delle Finestre).

Sul versante della Val Chisone della Strada Provinciale 172 del Colle delle Finestre si sono conclusi i lavori di sistemazione del tratto dal bivio con la Provinciale 173 (a Pian dell’Alpe) a Pra Catinat, a cura dei cantonieri del Circolo di Perosa Argentina della Direzione Viabilità 2.

A causa delle frequenti piogge, sabato 13 giugno è crollato un muro di sostegno al km 27+750, poco oltre il centro di soggiorno Pracatinat. I cantonieri del Circolo di Perosa Argentina hanno provveduto alla parzializzazione della carreggiata e alla risagomatura della scarpata della piazzola a monte del dissesto, in modo da garantire l’apertura al transito in sicurezza. Anche in questo caso è già stata eseguita la valutazione della stabilità ed è stato programmato l’intervento di ricostruzione.

Sul versante della Valle di Susa prosegue il riporto di materiale sulla carreggiata sterrata, che è stata riaperta martedì 16 giugno, per garantire una perfetta percorribilità. Al km 11 è stato ricostruito un muro di sostegno, franato nell’inverno scorso, con una scogliera in pietra-cemento. Oltre alla neve nel tratto di alta quota, i cantonieri del Circolo di Susa della direzione Viabilità 2 e gli operatori del Centro mezzi meccanici hanno dovuto rimuovere nelle scorse settimane una consistente frana al km 16, a tre chilometri dal Colle delle Finestre salendo da Meana di Susa. La frana ha comportato il distacco di 15 metri cubi di roccia, che è stata frantumata e rimossa.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.