CORONAVIRUS, 1624 POSITIVI IN PIEMONTE: 1323 RICOVERATI IN OSPEDALE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

COMUNICATO DELLA REGIONE PIEMONTE

DIECI NUOVI DECESSI

Sono dieci i nuovi decessi in Piemonte di persone positive al test del Coronavirus Covid-19 comunicati questo pomeriggio dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte: tre in provincia di Alessandria, uno in provincia di Novara, uno in provincia di Torino, due in provincia di Vercelli e tre nel Verbano-Cusio-Ossola.

Il totale complessivo è ora di 121, così suddiviso su base provinciale: Alessandria 53, Asti 5, Biella 9, Cuneo 5, Novara 12, Torino 21, Vercelli 10, Verbano-Cusio-Ossola 5, morti in Piemonte e residenti fuori regione 1.

BOLLETTINO DEI CONTAGI

Sono 1.624 le persone finora risultate positive al Coronavirus Covid-19 in Piemonte: 304 in provincia di Alessandria, 90 in provincia di Asti, 78 in provincia si Biella, 100 in provincia di Cuneo, 117 in provincia di Novara, 595 in provincia di Torino, 102 in provincia di Vercelli, 59 nel Verbano-Cusio-Ossola, 36 sono residenti fuori regione che sono in carico alle strutture sanitarie piemontesi, mentre 143 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale.

Le persone ospedalizzate sono 1.323, di cui 193 ricoverate in terapia intensiva. In isolamento domiciliare, perché positive al test e sintomatiche, ma le cui condizioni non richiedono il ricovero, ci sono 180 persone. I tamponi finora eseguiti sono 5.758, di cui 3.808 risultati negativi e 317 in fase di analisi.

DORS, INFORMAZIONI SCIENTIFICHE ACCESSIBILI A TUTTI

Il Centro di documentazione regionale per la promozione della Salute DoRS dedica una pagina del proprio sito al Coronavirus, mettendo a disposizione una serie di link in continuo aggiornamento che consentono di accedere ad articoli  di letteratura scientifica, di divulgazione e ai siti degli enti nazionali ed internazionali più autorevoli in materia. Tutti i materiali segnalati sono di libero accesso.

La comparsa nella provincia cinese dello Hubei del nuovo coronavirus ha visto un crescendo di informazioni e iniziative che l’OMS ha definito infodemia ossia “un’abbondanza di informazioni, alcune accurate e altre no, che rendono difficile per le persone trovare fonti e indicazioni affidabili quando ne hanno bisogno”.

L’OMS sta rendendo disponibili informazioni e consigli, comprese tutte le evidenze che confutano i falsi miti, sui suoi canali di social media e sul sito Web.

L’OMS lavora in modo coordinato con tutti i suoi partner per supportare le diverse nazioni negli aspetti di comunicazione: anche questo è un modo per aiutare i paesi a controllare meglio l’epidemia.

Il Centro di Documentazione regionale Dors sostiene questa strategia offrendo una selezione e una raccolta ragionata di risorse e materiali tratti da fonti nazionali e internazionali attendibili. Tutto questo e molto altro lo potete visitare sul sito https://www.dors.it/page.php?idarticolo=3374.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.