CORONAVIRUS, A GIAVENO CHIUDE IL PUNTO DI PRIMO INTERVENTO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
di CARLO GIACONE (Sindaco di Giaveno)
GIAVENO – Negli ultimi mesi ho chiesto agli organi competenti di non chiudere nuovamente il Punto di Primo Intervento di Giaveno, ma di cercare di riconvertirlo in questa emergenza sanitaria in servizi utili per la popolazione della Valsangone.
Purtroppo, questo pomeriggio ho ricevuto la chiamata dell’Assessore Regionale alla Sanità Luigi Icardi. Mi ha anticipato che, come successo lo scorso 19 marzo, in questi giorni verrà chiuso il Punto di Primo Intervento di Giaveno per liberare risorse umane indispensabili per assistere i pazienti Covid.
La situazione in tutti gli ospedali è quasi al collasso. C’è forte carenza e necessità di personale sanitario e i medici e gli infermieri del nostro PPI sono una risorsa importante per poter gestire la crisi che stiamo nuovamente vivendo.Sono già parecchi i medici e gli infermieri coinvolti nel contagio. La chiusura riguarderà moltissimi altri centri in tutto il Piemonte ossia Ceva, Carmagnola, Ceva, Cuorgnè, Lanzo, Nizza Monferrato e Venaria Reale.
Ho chiesto le garanzie che al termine dell’emergenza, speriamo al più presto, il punto di primo intervento venga riaperto, come successo a Giugno. Per noi è un punto fondamentale, lo ribadiamo, data la distanza dai grandi ospedali e il fatto che sono spesso sovraccarichi di lavoro.
La speranza è che questa profonda crisi nata durante la pandemia sia da monito per tutti gli organi di governo, sia Nazionali che locali, nessuno può più immaginare di tagliare sulla Sanità, come fatto negli ultimi trent’anni, ma invece è necessario investire sul personale, nei posti letto, sulle terapie intensive, sulle cure domiciliari e altro ancora.
La Salute prima di tutto. È un momento molto complesso, per l’intero Paese e per la nostra Regione. Siamo vicini al personale sanitario che si trova a fronteggiare questa seconda ondata di contagi e di malati e esprimiamo tutta la nostra gratitudine a chi opera nella Sanità, nei servizi essenziali e a chi si comporta seguendo le regole.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.