CORONAVIRUS AVIGLIANA: 182 POSITIVI, 8 RICOVERATI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dall’UFFICIO STAMPA DEL COMUNE DI AVIGLIANA

AVIGLIANA – Sono stati appena rilasciati i numeri aggiornati relativi ai contagi ad Avigliana. I positivi a casa sono 174 (in calo di dieci rispetto a ieri), otto i positivi in ospedale e 54 le persone in quarantena.

Ieri pomeriggio alle ore 14, a seguito dell’incontro con gli altri distretti dell’Asl To3, si è tenuta una riunione on line di coordinamento tra la direzione generale dell’Asl To3, presente la nuova direttrice generale Franca Dall’Occo insieme ai funzionari dell’ente, e l’assemblea dei sindaci del Distretto sanitario Valsusa Valsangone presieduta da Andrea Archinà. Nel corso della tavola rotonda si sono analizzate le azioni da intraprendere, sia dal punto di vista epidemiologico che della campagna vaccini. I dati dimostrano infatti che il picco dei contagi è stato toccato e nelle prossime settimane si dovrebbe finalmente assistere a una diminuzione nei numeri di questa terza ondata.

“Ringraziamo per la disponibilità e ci auguriamo che l’incontro – dichiara Andrea Archinà, Presidente del Distretto Sanitario Valsusa Valsangone – sia il primo di una lunga serie. Innanzitutto per testimoniare questo rapporto rinsaldato tra Asl To3 e i sindaci e poi per andare a definire di qui in avanti la programmazione degli interventi contingenti e gli obiettivi della Sanità nelle due valli: con un occhio di riguardo ai Poli sanitari che rappresentano i punti di riferimento stabili a livello territoriale. Confidiamo che una volta superata la pandemia questo strumento diventerà importante per andare avanti”.

Nel corso dell’incontro sono state quindi affrontate tematiche più contingenti e altre di prospettiva. Fondamentali i riscontri sulla campagna vaccinale, perché nell’arco del mese di aprile dovrebbero essere vaccinati tutti gli ultra-ottantenni. Si potrà così iniziare a somministrare i vaccini alla fascia 75-80 anni.

VACCINO: UN AIUTO PER LA PREADESIONE

In seguito all’avvio del servizio di preadesione alla campagna vaccinale della Regione Piemonte, che riguarda le categorie individuate dal piano nazionale, il Comune di Avigliana mette a disposizione dei cittadini tra i 70 e 79 anni un supporto telefonico per accedere al portale www.ilpiemontetivaccina.it.

Per l’accesso al servizio on line di preadesione alla campagna di vaccinazione è necessario munirsi di codice fiscale, numero tessera sanitaria e numero di telefono/email (non obbligatoria).

Il servizio telefonico di supporto è attivo il martedì dalle ore 10 alle 12 e il giovedì dalle 15 fino alle 17 al numero telefonico 331-6751832.

NOTA BENE

I soggetti affetti da patologie gravi “estremamente vulnerabili” non dovranno effettuare la preadesione online, perché saranno inseriti nel piano vaccinale dal proprio medico di famiglia.

Possono aderire alla campagna soltanto persone in età compresa tra i 70 ed i 79 anni, personale scolastico e universitario, personale volontario della Protezione Civile.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

4 COMMENTI

  1. …. è bello pensare alla campagna vaccinale, ma, sarebbe altresì importante in un momento così terribile far rispettare le regole. Pare che in alta val di susa qualche bar continui a lavorare come se si fosse in zona bianca, ma i controlli? E non parliamo di bar collocati un po’ *nascosti*ma in zone molto centrali, quindi è così che vogliamo combattere il virus? Si vede che a questo punto non interessa nessuno

  2. Una vecchia filastrocca recitava: Chi fa la spia
    non è figlio di Maria
    non è figlio di Gesù
    quando muore va laggiù…

  3. Invece hi si busca il covid, come vogliamo chiamarlo, sfigato?
    È magari ringraziare gli assembramenti, oppure i famosi bar che fanno tutto quello che non dovrebbero fare di questi tempi altrettanto sfigati?
    Oppure la mala sorte?
    Oppure carissimo se ci danno delle regole sarebbe bene rispettarle, sempre che questo sia ancora un paese di diritti e di doveri, e, mi auguro carissimi che la pensate un po’ diversamente, che non abbiate mai un amico o parente che si ammali, e non sappia a questo punto dove si sia ammalato
    Riflettete…..
    Non è proprio uno scherzo questo covid

  4. Sarebbe bene x tutti avere un po’ più di rispetto verso il prossimo e non fare tutto ciò che vorremmo fare, almeno in un periodo cosi brutto

Rispondi a Chiamare le cose con il proprio nome Annulla risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.