CORONAVIRUS, DUE PERSONE CONTAGIATE A GIAVENO: SOSPESO IL MERCATO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di CARLO GIACONE (sindaco di Giaveno)

GIAVENO – Ho ricevuto una comunicazione arrivata dalla Protezione Civile della Città Metropolitana che è stato necessario verificare. Due persone segnalate non risultavano più residenti a Giaveno, e in precedenza i dati ci venivano forniti dall’ASL.

A seguito delle verifiche, devo annunciarvi che c’è un secondo caso di positività al COVID-19 sul territorio di Giaveno. Un uomo con l’età di poco superiore ai 70 anni.

L’altro caso che vi ho comunicato stamane è sempre di un uomo ma di poco più di 45 anni. Questo dato sull’età che comunico, (pur nel rispetto della privacy) serve per far capire che a rischio non sono soltanto gli anziani ma tutte le fasce d’età. Oltre ai due casi positivi ci sono stati segnalati diversi casi in isolamento fiduciario domiciliare in quanto persone che sono venute in contatto con casi risultati positivi.

A fronte di questa notizia, e a causa della difficoltà di far rispettare le normative di sicurezza e di diffusione del virus, in particolare il mantenimento della distanza interpersonale, pur con tutta la buona volontà degli ambulanti, ho firmato oggi un’ordinanza urgente per sospendere il mercato del sabato.
L’urgenza è determinata dalla necessità di tutelare la salute pubblica in caso di emergenze sanitarie.

La sospensione è valida fino al 25/03/2020 e comunque fino al termine dell’emergenza sanitaria e vale per tutto il mercato settimanale del sabato, compresa la vendita degli alimenti e dei prodotti agricoli.

Inoltre, ho sospeso anche il mercato agricolo giornaliero domenicale, mentre sarà garantito il suo svolgimento nelle mattine dal lunedì al venerdì. Vedremo la prossima settimana se prolungare il divieto anche oltre il 25 marzo.

Stiamo ricevendo delle segnalazioni da parte di molti cittadini sul fatto che ci sono ancora troppe persone in circolazione senza necessità.
Forse non si è capita la gravità della situazione.Questi sono dei giorni cruciali per l’espansione del contagio e occorre prevenire il più possibile. Se queste misure risultano impopolari, pazienza.

La salute pubblica ha la prevalenza su qualsiasi altra considerazione.
Spiace dover limitare la libertà personale; questo si deve al fatto che troppe persone non rispettano ancora correttamente le regole. Guardando anche ai Comuni vicini, la stessa scelta è stata fatta da molti.
Ribadisco ancora una volta il concetto: bisogna stare a casa e uscire soltanto per assoluta necessità.

Vi informo inoltre sui controlli eseguiti dalla Polizia Municipale oggi mercoledì 18 marzo:
65 persone fermate, di cui una è stata denunciata e 4 hanno fornito spiegazioni non del tutto convincenti, per cui vi saranno ulteriori accertamenti.
Vi terrò aggiornati sulle novità e sui dati con un bollettino giornaliero.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

4 COMMENTI

  1. Ottimo, signor sindaco! Cosa giusta!
    Bisognerebbe però dire ai due carabinieri della foto che anche loro possono trasmettere il virus, dato che non indossano le mascherine… anche per dare il buon esempio in primis.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.