CORONAVIRUS, A GIAVENO CHIUDE IL PUNTO DI PRIMO INTERVENTO: “LIBERIAMO I MEDICI PER L’EMERGENZA”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

GIAVENO – Oggi la Regione Piemonte ha comunicato ufficialmente ai direttori dell’Asl e del 118 che entro tre giorni (quindi entro domenica 22 marzo) dovranno chiudere i pronto soccorso e punti di primo intervento “a minor accesso” di Giaveno, Venaria, Lanzo, Nizza, Borgosesia, Bra e Ceva.

Nella lettera, proveniente dall’Unità di Crisi e firmata dal vicepresidente regionale Carosso, dall’assessore Icardi, dal commissario Coccolo e dai dirigenti Aimar e Ripa, vengono spiegate le motivazioni della chiusura temporanea del presidio sanitario.

Tale scelta è stata fatta a causa dell’emergenza Coronavirus, in modo da “liberare professionisti medici per garantire le terapie da prestare a pazienti Covid”. I direttori generali delle varie Asl dovranno quindi “provvedere subito a riorganizzare i percorsi e l’attività aziendale, liberando le risorse, secondo le necessità Covid, entro e non oltre tre giorni dalla presente lettera”.

Infine, nella lettera, la Regione chiede ai direttori Asl di “dare ampia informazione alla popolazione di non recarsi nei pronto soccorso oggetto di sospensione, mediante i mezzi stampa, comunicando ai medici di base, ecc.”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.