CORONAVIRUS, GIAVENO NON FA PAGARE LA RETTA DELL’ASILO E LO SCUOLABUS ALLE FAMIGLIE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

DAL COMUNE DI GIAVENO

GIAVENO – In merito alle disposizioni del Decreto del Governo del 4 marzo sul contrasto al virus Covid-19, il Sindaco Carlo Giacone commenta: “È un momento difficile in cui dobbiamo essere tutti uniti e rispettare le regole. Come istituzioni ci atteniamo alle decisioni prese a livello nazionale e regionale e cerchiamo di informare la popolazione nel miglior modo possibile. Non cediamo al panico, cerchiamo di essere lucidi e responsabili”. La macchina comunale non si è fermata, cercando di dare risposte e prendere decisioni nel miglior modo possibile. Non si sono fermati i dipendenti che hanno contatto con il pubblico, non si sono fermati i tanti cantieri aperti o in partenza in questo periodo. L’unica attività ferma in questo momento è quella legata alle manifestazioni.

L’amministrazione si è attivata per capire come poter sostenere le famiglie per i numerosi disagi provocati dalle misure anti-contagio, in particolare dalla sospensione delle scuole o dei servizi per l’infanzia, e a quelli che ricadono su commercio, imprese, artigianato. Non si può ancora quantificare un eventuale risparmio dell’Ente per la chiusura delle scuole, ci vuole del tempo per effettuare queste valutazioni. “Era però a noi ben chiaro che utilizzeremo questo risparmio per aiutare le famiglie che hanno subito i disagi, ma la realtà di come farlo non è semplice. Speriamo che i nostri Parlamentari sappiano proporre facili e corretti modi per aiutare concretamente le famiglie e il mondo produttivo.

Per quanto riguarda l’asilo nido comunale, si può già affermare che non si farà pagare la retta dei giorni non usufruiti del mese di marzo. Anche per quanto riguarda il trasporto scolastico, l’intenzione è NON far pagare quanto non usufruito, sebbene il Comune abbia dei costi fissi.

Infine, dopo le giuste valutazioni, si penserà a misure per il commercio. Commento dell’Assessore alla Cultura e allo Sport Edoardo Favaron: “Comunichiamo che fino al 3
aprile sono annullate tutte le manifestazioni organizzate e/o patrocinate dal Comune. Sono annullate tutte le manifestazioni in luoghi pubblici. È chiaramente un dispiacere annullare le tante manifestazioni, sia culturali sia sportive, già organizzate. Ma è un sacrificio che dobbiamo fare per tutelare la salute collettiva. Recupereremo quando tutto sarà finito. Gli impianti sportivi comunali sono aperti ma sempre nel rispetto della normativa, disputando eventuali competizioni a porte chiuse e
mantenendo le distanze”.

SCUOLA

Commento dell’Assessore alla Scuola Anna Cataldo: “Il 5 marzo in compagnia dei funzionari competenti ho eseguito un sopralluogo nelle scuole, in particolare Pascal, Gonin e IC Coazze per verificare la situazione degli edifici e della sanificazione, effettuata in modo puntuale. Abbiamo verificato se le scuole sono pronte alla didattica a distanza; per ora è su base volontaria a seconda degli insegnanti, ma dal 9 marzo verrà potenziata e resa più organizzata e continuativa, pensando anche specifiche esigenze degli studenti con disabilità. È stata anche espressa preoccupazione da parte dei Dirigenti per i viaggi e le gite d’istruzione già pianificate, in relazione alle eventuali misure da adottare alla riapertura delle scuole sia in previsione di eventuali rimborsi o di riprogrammazione delle stesse.
Durante questo momento di pausa forzata delle scuole, il Comune ne ha approfittato per far eseguire dei lavori già programmati in tempi diversi. Ad esempio nella scuola Monti di Ponte Pietra sono stati ultimati i lavori lasciati in sospeso di rimozione dell’umidità del piano interrato e interventi di decorazione mensa, aule e palestra, messa in sicurezza delle finestre anti-caduta. Al Pascal sono stati sostituiti i canestri di una delle palestre vecchia. All’infanzia Collodi realizzata la contro-soffittatura del locale mensa”.

In questo momento occorre superare tutti insieme le difficoltà, facendo comunità. Approfitto per ringraziare tutto il personale medico/sanitario, le forze di protezione civile, i volontari, tutti coloro che in questo periodo si stanno adoperando per la collettività – conclude il primo cittadino – Negli anni la nostra Città ha sempre dimostrato di saper superare i momenti difficili. Speriamo di ripartire presto”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

2 COMMENTI

  1. TGCOM24 ore1.32 FATTI E MISFATTI:il virus cinese e’ nato in laboratorio. ( notizia avuta dal giornalista da fonte ).Ora la verita’ e’ confermata speriamo spieghino esattamente come l’ han fatto per combatterlo.

  2. Bene ascoltiamo il direttore da you tube della puntata di ieri sera sul coronavirus su TGCOM 24Ci sono Bond fatti per aiutarci in caso di pandemie.Ieri non l’ avevo scritto avevo sonno e aspettavo di riascoltato. Sono stati venduti a pacchetto e con 11% di interessi.Il direttore ha spiegato che qlcuno si chiedeva chi ne avesse acquistato il 60%.Lui ha fatto delle ipotesi ….ora che dalle fonti mai smentite risulta che questo virus era in elaborazione di un ospedale militare…qualcuno ci vuole spiegare chi ha comprato i Bond utili a salvarci in caso di pandemia?Congetture dicevano eppure libri che documentano la rigidita’ cinese ce ne sono tanti e ora che la verita’ e’ confermata da più giornali non solo italiani…ci parleranno dei Bond? Chi lo sa!

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.