CORONAVIRUS GIAVENO, VACCINATI 80 ANZIANI AL POLO SANITARIO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di CARLO GIACONE (Sindaco di Giaveno)

GIAVENO – Oggi è partita la campagna di vaccinazioni contro il Covid-19 anche al Polo Sanitario di Giaveno, riservata ai nostri anziani con più di 80 anni. Entro fine giornata saranno vaccinati circa 80 persone, giavenesi e dei comuni della Val Sangone.

All’interno del Polo Sanitario di Giaveno è stato allestito un bel reparto dedicato alle vaccinazioni, chi deve essere vaccinato viene accolto in una sala dove avviene un colloquio con dei medici per valutare lo stato di salute ed eventuali fattori di criticità al vaccino.

Dopo la somministrazione del vaccino, bisogna attendere quindici massimo venti minuti all’interno di un’altra sala, seguiti da personale sanitario, per verificare che non ci siano conseguenze. Quando si è liberi di tornare a casa viene comunicata la data per il richiamo al vaccino. Ho verificato personalmente che questi passaggi sono organizzati molto bene e c’è molta attenzione da parte di tutti gli operatori. Ha seguito e coordinato insieme al personale sanitario in tutte le fasi operative la Dott.ssa Mara Simoncini, Direttore vicario del Distretto Valsusa – Val Sangone per l’Asl To3.

Ringrazio di cuore tutto il personale, medici, infermieri e tutti coloro che si sono messi al servizio di questa importantissima campagna vaccinale. Sono molto contento e soddisfatto come Sindaco, che questo servizio sia stato organizzato a Giaveno, all’interno del nostro Polo Sanitario, favorendo i nostri cittadini anziani della Valsangone.

La salute, oltre che individuale, è anche un bene pubblico .Una società sana è quella che si prende cura della salute di tutti. Bisogna correre il più velocemente possibile per vaccinare tutta la popolazione dando priorità alle persone più fragili e a rischio, utilizzando questa opportunità nella prospettiva generale del beneficio di tutti. Solo così potremo uscire definitivamente dalla pandemia e da questa crisi di cui siamo ostaggio da un anno.

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

4 COMMENTI

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.