CORONAVIRUS: I CONTAGIATI IN VALSUSA E VALSANGONE, COMUNE PER COMUNE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

Ecco il bollettino con i dati ufficiali dei contagiati in tutti i Comuni di Valsusa e Valsangone, aggiornato a LUNEDÌ 8 GIUGNO – ORE 18.30. Si tratta delle persone risultate positive al test Covid-19 che non risultano in data odierna decedute, guarite o in via di guarigione.

Questi sono i dati provenienti dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte, consultabili in questa MAPPA.

Nella mappa e nella tabella vengono indicati i cittadini positivi per Comune di domicilio (non solo i residenti).

FONTE DATI UFFICIALI: UNITÀ DI CRISI DELLA REGIONE PIEMONTE

CORONAVIRUS: I CONTAGIATI IN VALSUSA E VAL SANGONE FINO AL 29 NOVEMBRE (Fonte Regione Piemonte)

AVIGLIANA52
GIAVENO48
BUSSOLENO23
ROSTA21
CLAVIERE17
BUTTIGLIERA ALTA15
ALMESE14
OULX14
CONDOVE13
SANT'ANTONINO13
VILLAR DORA10
CASELETTE8
NOVALESA8
SANT'AMBROGIO8
BARDONECCHIA7
BORGONE SUSA7
COAZZE7
SUSA7
VAIE6
SANGANO5
CAPRIE4
MOMPANTERO4
SALBERTRAND4
TRANA4
VALGIOIE4
CHIUSA SAN MICHELE3
RUBIANA3
SAUZE DI CESANA3
CESANA TORINESE2
CHIOMONTE2
GIAGLIONE2
REANO2
SAN DIDERO2
SAUZE D'OULX2
VILLAR FOCCHIARDO2
BRUZOLO1
CHIANOCCO1
EXILLES1
SAN GIORIO DI SUSA1
SESTRIERE1
GRAVERE0
MATTIE0
MEANA DI SUSA0
MONCENISIO0
VENAUS0
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

7 COMMENTI

  1. Coronavirus: morti in Piemonte,in Italia e nel mondo…..ecco….e in questo giornale e in altri c’era chi diceva di non pensare a cospirazioni o errori, chi credeva in un caso sfortunato….Tanti come me avessero capito subito che una persona sana di testa anche di poco, non avrebbe certo fatto incarcerare l’ unico che aveva scoperto il virus morto stranamente 15 gg dopo.E ora al TG5 hanno appena spiegato che il virus gia’ circolava a agosto del 2019….perche’ c’erano gia’ malati con i sintomi del Covid19….e non han spiegato solo questo.Domando a tutte ste persone che scrivono commenti ovunque e che a voce dicono che i cinesi non hanno nascosto nulla al mondo:dove vivete? E’ paura la vostra per cui vi rifugiate dietro uno stato di negazione?

    • Indubbiamente è vero: il governo Cinese ha tentato di tenere nascosta l’epidemia finchè si è trasformata in pandemia, e i risultati li sappiamo tutti purtroppo… però non è giusto, tra l’altro in epoca di razzismo dilagante, parlare di Cinesi in generale… i Cinesi in generale sono innanzitutto persone, come me e come lei, che probabilmente uscivano di casa per andare al lavoro ignari dell’epidemia esistente nel loro stesso Paese… la responsabilità è attribuibile al governo cinese, ma non a tutti i cinesi, che probabilmente hanno scoperto cosa stava accadendo a loro spese…

  2. Dimenticavo ,era stato smentito l’ esistenza del laboratorio, quando venne confermata l’ esistenza di esso , si parlo’ della scomparsa di una dottoressa. Pero’ appaiono strutture e spariscono persone….andiamo bene….e chi in Cina va a spiegarlo ai sopravvissuti del coronavirus e alle famiglie dei defunti? Meglio che in Cina spuntino subito l’ osso, per mentire su tutte queste circostanze e’ difficile se non un po” folle credere a un virus nato in natura, io la penso cosi’!

  3. I responsabili devono rispondere perche’ ci sono problemi sociali- economici,persone spaventate che negano l’ evidenza….famiglie che con un equilibrio precario ,lo vedranno probabilmente spezzarsi ……avremmo potuto salvare più vite sapendo prima la verita’! Ma che razza di persone sono quelle!

  4. Molte persone hanno potuto essere salvate grazie al sacrificio di un medico a dicembre e grazie a chi a agosto ha visto cio’ che accadeva. GRAZIE a tutti voi.

    • Comunque adesso, come avevo già scritto a commento di un altro articolo, ma evidentemente era un commento scomodo ormani scomparso, al momento più che trovare a tuttti i costi un colpevole, occorre concentrarsi su una cura e un eventuale vaccino, e nel frattempo tenere sotto controllo la movida locale, a Bussoleno come a Susa e in altri paesi della Valle… se all’ora dell’aperitivo nelle piazze si ammassano decine e decine di persone, non va affatto bene, soprattutto quando quelle persone non mantengono la distanza corretta del metro e mezzo e si ostinano a non usare la mascherina a 20 cm uno dall’altro… comprendo benissimo che i bar devono lavorare, ma lo facciano in maniera corretta, con il giusto numero di utenti distanziati ai tavolini, e la gente a mano a mano che termina la consumazione, paga, saluta e va a passeggio, perchè un conto sono due o 3 persone insieme alla giusta distanza, un conto sono 30 o 40 persone in piedi, sedute, dentro, fuori etc…che non si riesce neppure a transitare per le strade in sicurezza, visto che per lo la mascherina è un optional…hanno fatto in fretta a dimenticarsi di Bergamo, dei camion che trasportavano i morti, che non sono numeri ma persone, e non pensano neppure alla media di 50 famiglie al giorno quando non sono di più, che continuano in Italia a piangere i loro morti di coronavirus, mentre non parliamo neppure del Brasile con 1200 morti quotidiani, degli Usa e di molti altri Paesi anche poveri come l’India che continuano a perdere moltissime persone… il virus non è morto, se continuano ad assembrarsi così, in autunno la seconda ondata è assicurata, e rischiamo di morire noi, ma nella tanto ecologista Valle di Susa sembra non si possa parlare della pericolosità di questo virus, che non ha ucciso “solo” persone anziane ma anche parecchi giovani, e comunque il valore della vita non si misura in base all’età…

Rispondi a Elisabetta Annulla risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.