CORONAVIRUS IN VALSUSA E VALSANGONE: 19 CASI A GIAVENO, 11 A BUSSOLENO, 8 A ROSTA E SANGANO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

Ecco il bollettino con i dati ufficiali dei contagiati in tutti i Comuni di Valsusa e Valsangone, aggiornato ALLE ORE 18.30 DI VENERDÌ 5 NOVEMBRE. Si tratta delle persone risultate positive al test Covid-19 che non risultano in data odierna decedute, guarite oppure in via di guarigione.

Questi sono i dati provenienti dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte, consultabili in questa MAPPA.

Nella mappa e nella tabella vengono indicati i cittadini positivi per Comune di domicilio (non solo i residenti).

FONTE DATI UFFICIALI: UNITÀ DI CRISI DELLA REGIONE PIEMONTE

CORONAVIRUS: I CONTAGIATI IN VALSUSA E VAL SANGONE FINO AL 29 NOVEMBRE (Fonte Regione Piemonte)

AVIGLIANA52
GIAVENO48
BUSSOLENO23
ROSTA21
CLAVIERE17
BUTTIGLIERA ALTA15
ALMESE14
OULX14
CONDOVE13
SANT'ANTONINO13
VILLAR DORA10
CASELETTE8
NOVALESA8
SANT'AMBROGIO8
BARDONECCHIA7
BORGONE SUSA7
COAZZE7
SUSA7
VAIE6
SANGANO5
CAPRIE4
MOMPANTERO4
SALBERTRAND4
TRANA4
VALGIOIE4
CHIUSA SAN MICHELE3
RUBIANA3
SAUZE DI CESANA3
CESANA TORINESE2
CHIOMONTE2
GIAGLIONE2
REANO2
SAN DIDERO2
SAUZE D'OULX2
VILLAR FOCCHIARDO2
BRUZOLO1
CHIANOCCO1
EXILLES1
SAN GIORIO DI SUSA1
SESTRIERE1
GRAVERE0
MATTIE0
MEANA DI SUSA0
MONCENISIO0
VENAUS0
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

14 COMMENTI

  1. Ma come mai continuano a diminuire? Ma non siamo nel pieno della quarta ondata? Ma non bisogna prolungare lo stato d’emergenza in eterno?

  2. Crisanti, il Covid e le vite che ha spazzato via: i conti terrificanti del virologo
    Ha detto Crisanti nello studio di Tiziana Panella: “Il Covid ha spazzato via più di un milione e mezzo di anni di vita, se ragioniamo in questo modo ci rendiamo conto del disastro che ha provocato”. Secondo Crisanti quelli che vanno letti bene sono proprio i numeri: “3.800 è il numero dei morti per Covid che non avevano co-morbilità quindi non erano diabetici, non avevano ipertensione, non avevano tumori o altre situazioni di questo genere”.
    Poi però il virologo ha obiettato: “Però noi non dobbiamo guardare a quel numero. Noi dobbiamo guardare agli anni di aspettativa di vita che il Covid ha tolto a persone che avevano 75 anni e magari l’ipertensione, e che sarebbero vissuti altri 5 o addirittura 10 anni”. E la spiegazione è evidente: “Oggi una persona di 65 anni col diabete e l’ipertensione o in sovrappeso ha un’aspettativa di vita anche di 15 anni, ma se si prende il Covid nel 60-70% dei casi il virus lo uccide”.

    Ecatombe Covid, per Crisanti “In Italia e solo nell’ultimo anno h

  3. Novembre 5, 2021 posted by Guido da Landriano
    Come ha operato in passato Pfizer: il caso Trovan – Nigeria.
    Il problema della storia è che è noiosa e molti non vogliono fare la fatica di leggerla, perché, se lo facessero, vedrebbero crollare tante delle proprie certezze sulla “Scienza” e su come questa operi.
    Si può fare un trial farmaceutico in mezzo a un’epidemia mettendo a rischio la vita dei pazienti? Si! Nel 1996 una forte epidemia di meningite colpisce la Nigeria, facendo ammalare soprattutto i bambini. Al termine questa ondata di morte causerà circa 12 mila vittime. Intervengono le organizzazioni internazionali fra cui Medici senza Frontiere, ma la situazione è grave per la malattie e per le pessime situazioni operative. La meningite batterica può però essere curata con degli antibiotici noti. Nello stesso periodo la Pfizer stava sviluppando un nuovo antibiotico, la Trovafloxacina, commercializzata come Trovan. Quale miglior occasione che testare sulle persone un prodotto che si temeva potesse avere dei forti effetti collaterali.

    Quindi, come apparente aiuto agli sforzi di Medici Senza Frontiere, si organizza un trial farmaceutico che si svolge nello stesso immobile dove MSF cura con le medicine già testate. Peccato che il Trial abbia un paio di problemi:

    ai pazienti non viene fatto firmare nessun consenso informato, ammesso che fossero in grado di capire cosa fosse, in quelle drammatiche condizioni;
    viene organizzato il gruppo clinico a cui viene somministrato il Trovan, e un gruppo di controllo a cui vengono somministrato 30 mg/kg dell’antibiotico ceftriaxone. Peccato che la dose che veniva somministrata dal MSF a poche stanze di distanza fosse pari a 50-100 mg/kg di ceftriaxone. Quindi i dati del gruppo di controllo erano falsati, sulla pelle dei partecipanti.
    Cinque bambini che ricevettero il Trovan morirono, come sei del gruppo di controllo. La Pfizer ha sempre asserito che le morti non furono dovute alla sperimentazione, ma alla meningite, però l’accaduto portò a una serie di cause legali negli USA e in Nigeria.
    Quelle USA vennero tutte archiviate sulla base di questioni procedurali, essenzialmente perché il foro USA non era competente su un trial africano. In Nigeria il caso fu chiuso con il pagamento extra giudiziale di 75 milioni di dollari da parte di Pfizer, ma il governo nigeriano non è mai stato in grado d’identificare chiaramente chi venne identificato dal trial. Nello stesso tempo le clausole dell’accordo sono state segretate per richiesta di Pfizer.

    Quindi non stupitevi più di tanto se c’è il sospetto che in Texas qualche dato sia stato addomesticato…

  4. Nel 1918, come oggi, si capì subito che gli assembramenti erano fonte di contagio. “Venne introdotto il confinamento e si fecero progressi nell’applicazione di misure preventive, che avevano già dimostrato storicamente la loro efficacia, imponendo alcuni cordoni sanitari, approfondendo il monitoraggio delle misure igieniche e promuovendo la quarantena, per coloro che erano sospettati di essere contaminati”, racconta lo storico Jaume Claret Miranda a Euronews.
    Tuttavia, abbiamo anche dovuto lottare contro le superstizioni e i criteri non scientifici”, aggiunge. “A Zamora, ad esempio, il vescovo celebrò alcune messe, che accelerarono la diffusione della pandemia e a Madrid le autorità non osarono invece annullare i festeggiamenti di San Isidro”.

    La prima ondata in Spagna arrivò proprio dopo le celebrazioni del patrono della capitale spagnola. “La gente si radunò nel prato e una settimana dopo, verso il 22 maggio, i giornali dissero che tutti si stavano ammalando di influenza”, spiegano le storiche Lara Martinez.

    La copertura mediatica di questo incidente finì per battezzare la nuova influenza come “spagnola”, nonostante il fatto che un cuoco di un centro di addestramento militare americano in Kansas sia considerato come il paziente zero. Le storiche Lara ipotizzano che possa essere iniziata ancor prima, in Cina o in Francia, nel 1917.

    Tuttavia, la neutralità della Spagna nella prima guerra mondiale fece sì che la copertura da parte della stampa della nuova malattia fu più ampia.

    twitter
    flipboard
    mail icon

    DIMENSIONI DI TESTO
    AaAa
    Centinaia di persone muoiono tra gennaio e febbraio negli Stati Uniti, dopo aver sofferto di mal di testa, difficoltà respiratorie, tosse e febbre alta. Alcuni mesi dopo, lo stesso quadro clinico viene osservato in pazienti in Francia, Belgio e Germania. A maggio, un assembramento durante una festa religiosa in Spagna causa lo scoppio dell’epidemia di questa misteriosa malattia.

    Non siamo nel 2020, ma nel 1918, oltre un secolo fa, quando la prima guerra mondiale è alle sue fasi finali e ci si trova di fronte a una delle più grandi pandemie della storia: la cosiddetta influenza spagnola, che ha causato tra i 50 e i 100 milioni di morti in tutto il mondo.

    Sia in termini di sintomi che di risposta, per gli storici è un riferimento, per imparare lezioni dal passato e metterle in pratica nell’attuale pandemia di coronavirus.

    La storia si ripete
    “Ci sentiamo come se fossimo in una macchina del tempo: tutto ciò che abbiamo studiato si sta avverando”, spiegano a Euronews lestoriche spagnole Laura e Maria Lara Martinez, che hanno studiato l’influenza del 1918 dal suo centenario.

    I parallelismi sono chiari fin dall’inizio. “Si diceva che era un raffreddore poco importante, che non sarebbe peggiorato, eppure è successo come ora nel 2020: i sistemi sanitari molto carenti non erano sufficienti”, spiegano le suore, autrici di ‘Breviario della storia di Spagna’.

    Ci sentiamo come se fossimo in una macchina del tempo: tutto ciò che abbiamo studiato si sta avverando
    Laura e Maria Lara Martinez
    Storiche spagnole
    Anche le misure per contenere la pandemia di un secolo fa suonano familiari: disinfezione e chiusura di spazi pubblici, teatri, scuole e confini. Poiché allora non c’erano telefoni privati, venivano disinfettati i telefoni e persino gli operatori telefonici, dove i cittadini andavano a telefonare, spiega Laura Lara. Gli storici hanno anche scoperto che negli Stati Uniti le multe per chi non indossava una mascherina ammontavano a 100 dollari.

    AP Foto/Manu Fernandez
    Ospedale da campo al centro espositivo Ifema di Madrid, SpagnaAP Foto/Manu Fernandez
    Nel 1918, come oggi, si capì subito che gli assembramenti erano fonte di contagio. “Venne introdotto il confinamento e si fecero progressi nell’applicazione di misure preventive, che avevano già dimostrato storicamente la loro efficacia, imponendo alcuni cordoni sanitari, approfondendo il monitoraggio delle misure igieniche e promuovendo la quarantena, per coloro che erano sospettati di essere contaminati”, racconta lo storico Jaume Claret Miranda a Euronews.

    SPONSORED CONTENT
    Pre-school education in Uzbekistan goes mobile
    More children are getting access to preschool education in Uzbekistan. Alternative school models are being introduced
    By Naesmi

    “Tuttavia, abbiamo anche dovuto lottare contro le superstizioni e i criteri non scientifici”, aggiunge. “A Zamora, ad esempio, il vescovo celebrò alcune messe, che accelerarono la diffusione della pandemia e a Madrid le autorità non osarono invece annullare i festeggiamenti di San Isidro”.

    La prima ondata in Spagna arrivò proprio dopo le celebrazioni del patrono della capitale spagnola. “La gente si radunò nel prato e una settimana dopo, verso il 22 maggio, i giornali dissero che tutti si stavano ammalando di influenza”, spiegano le storiche Lara Martinez.

    La copertura mediatica di questo incidente finì per battezzare la nuova influenza come “spagnola”, nonostante il fatto che un cuoco di un centro di addestramento militare americano in Kansas sia considerato come il paziente zero. Le storiche Lara ipotizzano che possa essere iniziata ancor prima, in Cina o in Francia, nel 1917.

    Tuttavia, la neutralità della Spagna nella prima guerra mondiale fece sì che la copertura da parte della stampa della nuova malattia fu più ampia.

    U.S. Naval History and Heritage Command via AP
    Un cartello avverte i Marines degli Stati Uniti del pericolo dell’influenza spagnola e chiede loro di non sputare: “Lo sputo diffonde l’influenza spagnola. Non sputare”.U.S. Naval History and Heritage Command via AP
    La madre di tutte le pandemie
    Senza vaccini e test, gli obiettivi che ci si poneva per “battere” la pandemia del 1918 erano diversi da quelli di oggi. Ma si sperava anche che le temperature estive rallentassero la trasmissione.

    Poi arrivò una seconda ondata, più letale della prima. In Spagna fu in settembre e coincideva con la vendemmia, le celebrazioni della Vergine e l’allentamento delle misure restrittive, spiegano le sorelle Lara.

    Ci furono altre ondate durante l’inverno successivo, aggiunge Jaume Claret Miranda. “In alcuni luoghi specifici, come alcune zone della Spagna, ci fu una terza ondata addirittura all’inizio degli anni Venti”.

    “La fine della pandemia dipendeva da ogni Paese: dall’informazione e dalla formazione dei suoi specialisti e dagli interessi della sua classe politica”, dice Claret, che sottolinea che, dato che si sovrappose agli ultimi episodi della prima guerra mondiale, si aggiunsero altri fattori come le sconfitte o le vittorie in guerra, la ricostruzione o la carestia.

    “Inoltre, le nostre conoscenze sono limitate al “mondo occidentale” e non sappiamo molto di come questa epidemia venne vissuta in molti altre parti del mondo”, aggiunge.

    Tutti gli accademici, però, concordano sul fatto che la fine globale della pandemia arrivò nel 1920, quando la società sviluppò un’immunità collettiva all’influenza spagnola, anche se il virus non è mai scomparso del tutto.

    “Tracce dello stesso virus sono state trovate in altri focolai”, dice Benito Almirante, responsabile delle malattie infettive dell’ospedale Vall d’Hebron di Barcellona. “L’influenza spagnola ha continuato ad apparire, mutando e acquisendo materiale genetico da altri virus”.

    Ad esempio, il virus della pandemia influenzale del 2009-2010 (causata dal sottotipo H1N1) aveva elementi genetici di virus precedenti, quindi ad esempio gli anziani erano meglio protetti dei giovani, segnala il medico.

    Questo è stato anche il caso dell’influenza spagnola. Laura Lara spiega che gli ultra trentenni avevano più possibilità di sopravvivere e si ipotizza che la ragione sia da ricercarsi nella cosiddetta influenza russa (1889-1890).

    Influenza “spagnola” nel 1918, Covid nel 2020: un secolo dopo, ancora fragili
    Quando finisce una pandemia?
    Una pandemia finisce quando non c’è una trasmissione incontrollata della comunità e i casi sono ad un livello molto basso, spiega il dottor Benito Almirante. “In Europa si sta arrivando a questo punto con il coronavirus, perché i casi sono facilmente identificabili e rintracciabili. Se si continuerà con questa tendenza nelle prossime settimane, la pandemia potrà essere messa sotto controllo”.

    “Quando la gente chiede: ‘Quando finirà questo?’, si interroga sulla cosiddetta fine sociale”, ha detto il dottor Jeremy Greene, storico della medicina dell’Università Johns Hopkins al New York Times. In poche parole, anche se la comunità scientifica internazionale non dovesse annunciare ufficialmente la fine della pandemia, le persone sarebbero talmente stanche e bisognose di riprendere la propria quotidianità, che ciò porterebbe automaticamente a non provare più né rischio né paura, vivendo come se la pandemia fosse terminata (nonostante il virus continui a circolare).

    Nella pandemia di influenza spagnola, la paura sociale variava a seconda del grado di informazione disponibile e di come i Paesi erano stati colpiti dalla guerra, spiega lo storico Claret.

    “In Inghilterra – cita come esempio – quando credevano che con la fine della guerra gli ospedali da campo potessero essere smantellati, molti dovettero prolungare il loro funzionamento, per accogliere le persone colpite dall’epidemia”.

    Ma alla fine, “come spesso accade, quando gli effetti si attenuarono, la gente smise di preoccuparsi”.
    Dopo l’influenza spagnola e la prima guerra mondiale, arrivarono i felici anni ’20. “La popolazione che riuscì a sopravvivere entrò in una fase di euforia in tutti i sensi, compresa quella economica”, spiegano le storiche Lara. La filosofia del ‘carpe diem’ divenne dominante.

  5. Si vedono spesso persone vaccinate e non senza mascherina, nei bar al bancone e non solo.I non vaccinati non si fidano , quelli vaccinati senza mascherina si fidano troppo. La distanza e l’uso della mascherina sono fondamentali.Allora non c’era il vaccino ricordiamolo. MANIFESTARE? E’ giusto, ma bisogna rispettare il prossimo!Bisogna rispettare chi si è vaccinato e chi questo vaccino non si è sentito/a di farlo, ma ne ha fatti tanti altri. Non si può negare l’evidente esistenza del virus.
    Usate tutte le misure per favore, grazie.

  6. Dal video di Trieste dei no green pass , a non avere indosso la mascherina non eran solo alcuni manifestanti….sono un pò confusa.

  7. Dal video dei no green pass a Trieste si vede però che all’inizio le forze dell’ordine non hanno fatto niente di che, che i manifestanti hanno esagerato un attimo.E’ accaduto che uno delle forze dell’ordine con lo scudo abbia invitato la signora a andare avanti, ma non l’ha fatto con forza, si vede bene!Ora se vi invitano a andare , andate , non create i presupposti per una rissa.

  8. Sempre a Triste nel video della manifestazione no green pass, si vede un manifestante e uno delle forze dell’ordine che parlano , il signore sovente mette la mano nella spalla di qllo delle forze dell’ordine e la persona in divisa continua a parlare con lui senza avere reazioni diverse, a prova quindi che non agiscono male ogni volta come si dice sovente, questo inteso comunque da entrambe le parti.

  9. Occorrerebbe, per onesta scientifica, intellettuale e soprattutto morale parlare dei VACCINI A DOPPIO CIECO
    si inizia a parlarne sempre di più, ma non ho ancora sentito un medico, un virologo o questi “fenomeni da premio nobel” (scusate l ironia) parlarne in qualche trasmissione
    Le persone hanno il sacrosanto diritto di sapere qualcosa al riguardo e non essere solo topi da sperimentare, scusateci se ci permettiamo di volerne sapere qualcosa in piu, ma la pellaccia e nostra caro Speranza
    Vogliamo sapere cosa c è in questo progetto di cui al corrente è solo lo Stato, o forse Figliuolo o Draghi
    Intanto anche la questione venuta alla luce un po’ di tempo fa riguardo ai green pass falsi, tutto messo a tacere
    Ma che Stato è questo?
    E, scusateci se ci poniamo il quesito ma siamo sicuri che i nostri politici l abbiano fatto il vaccino?
    Si vede che oltre all immunità parlamentare hanno anche quella di non avere effetti collaterali, sempre ammesso che l abbiano fatto
    Che strano, tutti bene stanno tutti benissimo, il vaccino non ha dato loro nessun disturbo
    Voglismo sapere del vaccino a DOPPIO CIECO
    Auguri a tutti gli italiani in buona fede

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.