CORONAVIRUS, L’APPELLO DI UN GIOVANE PAZIENTE: “STATE A CASA, MI HA STRAVOLTO LA VITA”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Gianni Zampino, torinese di 40 anni ricoverato a Torino

di FABIO TANZILLI

TORINO – Un appello importantissimo, di un giovane torinese che da una decina di giorni sta combattendo contro il Coronavirus. Il nostro giornale è entrato in contatto con lui e ci ha autorizzato a pubblicare il video appello e la sua storia.

Gianni Zampino, classe ’79, è ricoverato in terapia intensiva all’ospedale. Suo padre è morto pochi giorni fa, sempre a causa del Coronavirus. Questa sera Gianni sarà intervistato su RaiUno durante il telegiornale, per diffondere il suo messaggio e far conoscere il dramma che sta vivendo e che pubblichiamo integralmente.

“Scusate la maschera, ma purtroppo non posso parlare senza e non posso respirare senza il suo ausilio – spiega Gianni – di notte invece devo portare un casco che mi permette di respirare. Troppa gente prende sottogamba questo Coronavirus, che personalmente mi ha stravolto la vita da circa 10 giorni”.

“Fino a pochi giorni fa la mia vita scorreva molto rapidamente, con il mio lavoro da responsabile…mi prendevo cura di mio papà e curavo i miei hobby, tra cui tanto sport, amici…una vita normale come tanti ragazzi e uomini della mia età, come voi. Devo dire che anche io come tanti ho sottovalutato questo virus, ho pensato a un discorso politico, a un discorso militare, a una bufala, a tantissime cose, ma sinceramente non ho fatto nulla per andare incontro e prendere questo virus. Invece purtroppo è entrato nel mio corpo e nel frattempo ha ucciso la persona più cara della mia vita, che era mio papà”.

“Tutti dicono che questo virus è una normale influenza e vi posso dire che non è una normale influenza, entra dentro di te, si impossessa di te, ti prende i polmoni, le vie respiratorie”.

“Ma la cosa più brutta è che non è conosciuto, quindi come fai a sconfiggere un avversario che non conosci? C’è troppa ignoranza, troppo poche le informazioni date, e quindi il mio messaggio è di fare veramente attenzione, di stare a casa questi 15 giorni. State con le vostre famiglie, giocate a giochi di società, vedetevi un film, leggete un libro. Ma solo tutti quanti insieme, se seguiamo queste regole, potremo riprendere le nostre vite in mano”.

“Dovete capire che non è un gioco: io passo le notti con un respiratore, non riesco a dormire, la mia vita si è stravolta, vorrei che nessuno provasse le sofferenze che sto provando io, questo sembra un film horror, ma purtroppo non lo è”.

In bocca al lupo a Gianni, che con grande coraggio, forza e determinazione sta affrontando questa battaglia contro il virus. Un grosso grazie agli operatori sanitari che instancabilmente, giorno e notte, stanno lavorando senza sosta per salvare la sua vita e quelle di tantissimi altri pazienti.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

7 COMMENTI

  1. Se non si scopre in fretta un antidoto, prima o poi passeremo tutti di lì,
    sperando che ci sia poi ancora qualche respiratore disponibile.

  2. In molti sottovalutano il coronavirus , convinti che basti rispettare i decreti .
    Tantissimi rasentano le regole convinti che il virus rispetta i decreti.
    Forse è meglio imparare ha rispettarci e rispettare gli altri.siamo fatti di cellule non d’acciaio.
    Auguri di buona salute

  3. Giusto Mauro. Molti non capiscono. Se sei una partita Iva devi andare a lavorare per mangiare. Punto. Non ci sono scuse. Il governo ha stanziato l’iperbolica cifra di 600 euro per le partite Iva. Per un mese.. E che ci faccio, ci compro le patatine?
    Le tasse sicuramente non c’è le pago. E quelle che stanno sospendendo, le dovremo pagare fra qualche mese senza averle lavorate.
    Facile per chi ha un posto fisso dire “state a casa”… Vengo a mangiare da te allora.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.