CORONAVIRUS, LE SCUSE DEI TURISTI DENUNCIATI IN VALSUSA: DAL RUBINETTO ALLA GITA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

CESANA – Oggi alcuni villeggianti hanno tentato di spostarsi dalla città nei comuni dell’alta Valsusa, nonostante l’emergenza sanitaria del Coronavirus e i divieti di legge. La polizia locale dell’Unione Montana Montagne Olimpiche Vialattea ha controllato centinaia di auto sulle strade di accesso alle località di Cesana, Claviere, Pragelato, Sauze Oulx, Sauze di Cesana e Sestriere, con le prime denunce (e successive multe) per il mancato rispetto dei decreti del governo.

Oltre allo sciatore bassovalsusino che voleva andare a Monginevro, ci sono stati altri episodi, dove alcuni villeggianti hanno provato a violare il decreto con delle scuse.

Due persone, fermate dalla polizia locale, hanno detto di essere salite in Valsusa per “controllare se avevano chiuso la porta di casa” e che “forse avevano dimenticato il rubinetto dell’acqua aperto in cucina”.

Una famiglia torinese stava invece salendo in auto con a bordo due bambini: qui hanno la seconda casa. Una volta fermati dalla polizia locale, hanno risposto agli agenti: “Volevamo soltanto fare una gita in montagna”.

Un residente invece è stato fermato perché proprio oggi voleva spostarsi fuori dal territorio dell’Unione Montana “per andare a vedere i terreni di sua proprietà”.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

22 COMMENTI

  1. Non c’e’ risposta a questa domanda credo :”, come fa un Governo a tutelare la salute dei cittadini se alcuni di loro fanno cosi”?

  2. Non dovrebbe essere complicato mettere i posti di blocco fissi in alta valle, tipo quelli fatti per le olimpiadi!
    SENZA PIETÀ

    • Infatti! Dal momento che molti sono COMPLETAMENTE SCRITERIATI, se le forze dell’ordine iniziassero a fare il lavoro che gli è stato richiesto forse potremmo uscirne sani e salvi… Abito sulla statale ed in questo momento il traffico è di poco inferiore a quello solito del sabato, mi piacerebbe sapere quanti hanno l’autocertificazione in auto e per quale motivo si stanno muovendo…

  3. Poiche’ una virologa su rai tre alla domanda della giornalista ” chi dice la verita” ha risposto ” che ognuno dice un pezzo di verita”, cio’ fa capire quanto poco chiara sia questa situazione. Cari signori fermati non ci e’ data la possibilita’ di sapere se siamo al 100% in salute, perche’ a volte nemmeno noi a volte sappiamo di stare bene se non abbiamo sintomi.Quindi facendo così si mette a rischio se stessi e tutti qlli che ci stanno attorno. Chi abbia ancora il pensiero di andare via senza motivo valido ci pensi moltissime volte e rinunci, non solo per le conseguenze penali ma per la salute di tutti in primis.

  4. I cittadini hanno sempre portato della merda in montagna ma ai nostri sindaci piace cosi l’importante che rendano!#STATE A CASA!

    • In questo momento è assolutamente prioritario che tutti si attengano alle regole e che restino a casa.
      Circa l’affermazione che ” I cittadini hanno sempre portato della merda in montagna” direi che se non fosse per i cittadini che hanno comprato le seconde case e che vengono costantemente nonostante la scarsa qualità dei servizi offerti, i valligiani sarebbero tutti a pascolare le pecore e a fare la fame.
      ATTENZIONE A SPUTARE NEL PIATTO IN CUI SI MANGIA!

  5. Gli sfollati del virus, in quanto possessori di alloggi /case nei luoghi ove nevica firmato probabilmente sono benestanti e nella vita “normale ” occupano posti ben pagati e quindi sono la classe che comanda, quella che ha i soldi. Ecco, costoro sono il pericolo, perché con il loro comportamento egoistico dimostrano che se ne fregano degli altri e delle leggi. Da questi dovremmo guardarci quando le cose torneranno normali.

  6. si, ma quanto vi fa comodo spennare i cittadini, i turisti, i villeggianti, per quei 4 mesi d’inverno e un mese d’estate! per il resto…fuori dai vostri c., perché è evidente che vi dan fastidio! E poco importa se molti non sono affatto ne ricchi ne benestanti, ma gente che fa grossi sacrifici e lavora duramente per permettersi il lusso di poter passare qualche we in montagna! E poco importa che questi paghino spese, utenze e soprattutto tasse che i locali non pagano, per le loro case, sia che ci vadano o che non ci possano andare! Cosa significa che da questi dovremmo guardarci quando le cose torneranno normali? Senza quel poco di turismo che c’è ancora in Alta Valle, cosa rimarrebbe? Vivere di sussistenza? Tanti Auguri!

    • I turisti sono ben accetti …ma in casi come questi dovrebbero stare a casa ..anche per la loro salute…chi scrive che hanno rotto evidentemente non vive di turismo ..

    • Ma fatti furba
      Si qui viviamo di turismo, ma le strutture sanitarie sono già insufficienti per noi se poi i turisti vengono in quarantena qui e succede qualcosa…. dove dobbiamo andare noi a farci curare? A Milano?
      Ognuno deve stare a casa sua non in villeggiatura dove preferisce
      Sono chiuso in casa rispettando le regole e vedo allegre famigliole a passeggio con bambini cani e amici…. e non sono locali!

      • Sig Luigi ha perfettamente ragione ..ma non facciamo di tutta un erba un fascio ..ci sono turisti che amano la valle e loro sono rimasti a casa ..poi purtroppo gli imbecilli ci sono sempre ….

    • L ‘articolo parla di chi, in un periodo di forti limitazioni, dovute a motivi di salute pubblica, non si è fatto scrupolo di muoversi per futili motivi come compiere una gita in montagna. Tale comportamento è irrispettoso delle disposizioni di legge. Ecco, da tali soggetti occorre guardarsi, in quanto antepongono i propri desideri al bene della collettività. Quando sarà tutto finito ben vengano le gite e gli svaghi anche per superare gli strascichi che la situazione che stiamo vivendo ci potrà lasciare. Saluti

  7. Rompono tutti i fine settimana, proprio son monotoni sti cittadini menefreghisti. Se ne stiano a casa almeno in questa situazione di emergenza

    • “Rompono tutti i fine settimana”
      La pensa allo stesso modo anche quando pagano le tasse (IMU) che non paga lei e che le permettono di usufruire dei servizi di cui gode gratuitamente?

  8. Il punto è che NESSUNO deve girare! Chi se ne infischia è un emerito cogl***e, sia esso nero, bianco, cittadino, valligiano o …arboricolo che sia!

  9. valligiani che rientrano dalla Cina già infettati , villeggianti che vengono a pascolare nello struscio ……………..tutta un’erba un fascio , ci penserà madama catlina a sistemare il tutto

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.