CORONAVIRUS / RAGAZZA DI SANGANO RICOVERATA, APPELLO DEL MEDICO: “STATE A CASA, GENITORI DOVE SIETE?”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
La Dottoressa Daniela Pilan di Sangano

SANGANO – Un grande appello della dottoressa Daniela Pilan di Sangano, sta facendo il giro del web. La dottoressa ha reso noto che una giovane di Sangano, sua paziente, è ricoverata all’ospedale di Rivoli per polmonite da Covid-19.

Il medico vuole sensibilizzare genitori e ragazzini nello stare a casa il più possibile: “Non ho buone notizie – spiega la dottoressa – non più tardi di ieri dei miei pazienti mi hanno chiamato dicendo che sabato sera sono usciti con gli amici sabato sera e che ora uno di loro ha la febbre, forse positivo al Covid, e mi chiedono cosa devono fare”. “Siamo ancora a questo – aggiunge sconfortata la dottoressa – a persone e ragazzi che pensano di essere in vacanza, fanno festa con gli amici e girano indisturbati (…) Cosa non capite, quando vi viene detto che con questo virus e qui ci si ammala e si può morire? Qui la gente muore. Basta con la storia che le vittime sono solo anziani. Intanto perché sono i nostri genitori e nonni, noi dovremmo proteggerli e occuparcene fino in fondo. E poi vi do altre notizia. Io ho una paziente giovane ricoverata in ospedale di polmonite da Covid, e vive qui a Sangano, tra noi. Quindi non è più in Lombardia questo virus, ma è Sangano, Reano, Bruino e nei vari comuni della zona. Dobbiamo iniziare ad avere comportamenti responsabili e rigidi. Mi appello ai genitori: dove siete? Fate i genitori anche con i ragazzi adulti. Bisogna far capire ai figli che devono stare a casa. Leggete i Promessi Sposi, dove Manzoni racconta come la gente aveva reagisto alla peste del 1630 a Milano…dobbaimo fare come loro? Quando all’inizio la popolazione derideva i medici e non credeva al pericolo? I medici di famiglia sono su una zattera, senza mascherine e presidi, io ho una mascherina trovata da un’amica farmacista che me l’ha regalata. Ecco come siamo messi. Io non mi lamento, ciascuno di noi deve fare la propria parte. Altrimenti andrà a finire male. Ci sono già 70 medici infettati dal Covid-19. Aiutateci. Non facciamo i portatori di sventura, ma di speranza”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

3 COMMENTI

  1. Concordo pienamente…i giovani sono idioti che non capiscono che possono mettere in pericolo la loro vita e quella di genitori e nonni…e i genitori non fanno i genitori…ho sentito con le mie orecchie una mamma dire che i suoi bambini sono piccoli e non possono capire…mio padre all’ età dei suoi figli ha dovuto capire i bombardamenti, e i suoi figli non possono capire che c’è una malattia pericolosa? I genitori così devono vergognarsi della egoismo che insegnano ai loro bambini e di lasciarli scherzare con il fuoco…

  2. Penso che la dott.ssa abbia scritto un appello in una lingua che conosciamo bene , e come lei decine , centinaia , migliaia di altre persone, medici e no , e l’appello è sempre il medesimo – Se vogliamo contribuire per toglierci il prima possibile da questa brutta situazione allora BISOGNA STARE A CASA tralasciando ogni forma di egoismo – Eppure , oggi al Crai, in attesa del mio turno ho dovuto sorbirmi una specie di comizio elettorale tenuto da una signora , comizio demenziale incentrato naturalmente sul fatto che il governo esagera , sul fatto che i morti per l’influenza ci sono sempre stati , ecc ecc Ecco queste persone sono veramente pericolose !

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.