CORONAVIRUS, SECONDO CASO A SUSA: RICOVERATO IN OSPEDALE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di ANDREA MUSACCHIO

SUSA – A Susa è stato riscontrato un secondo caso di Coronavirus. Da quasi due giorni il paziente si trova ricoverato presso l’ospedale segusino, dove nel frattempo è stata allestita un’area appositamente per i casi di Covid-19.

L’uomo è un anziano, padre di un commerciante che, appena venuto a conoscenza della positività del genitore, ha chiuso immediatamente il negozio, avvertendo tutte le autorità competenti. La famiglia dell’anziano è in quarantena senza sintomi e ha seguito letteralmente il protocollo, che comunque non prevede in questi casi la chiusura del negozio.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

8 COMMENTI

  1. Prima o poi dovremo uscire dalle tane e allora ce lo beccheremo tutti.
    La speranza è solo che non ci becchi mentre c’è il picco e non c’è più nessuno (nè mezzi) a curarci.
    Quindi tutto sommato sono fortunati quelli che se lo beccano mentre negli ospedali c’è ancora posto e personale.
    No ci resta che …

    • Ma non fanno più il tampone per chi non è insufficiente respiratorio, dunque come si fa a sapere se uno l’ha fatto o no ?

  2. È per questo che dobbiamo stare il più possibile a casa, per non ammalarci tutti nello stesso momento, ma a scaglioni. Altrimenti si salvano solo quelli che si immunizzano senza ammalarsi o si ammalano senza sviluppare la polmonite.

  3. Tenete conto che un po alla volta si curano tutti i curabili cge non hanno altre patologie altamente invalidanti. La sanità sta reagendo. Rimaniamo fiduciosi. Non cadiamo nel panico o nell’idea della fine del mondo. Non è cosî. Un infermiere.

  4. Buongiorno
    Mettendo a confronto il contagio da coronavirus la Corea del Sud e l’Italia e i dati di mortalità in Cina /Italia/Corea Sud appare evidente una discrepanza in negativo di mortalità sul territorio Italiano, da protocollo dell’organizzazione Medica Italiana si evidenzia di dover selezionare chi sottoporre a trattamento di rianimazione a discrezione medica lasciando il resto dei pazienti a morte certa “omicio”, non ascrivibbile al medico di turno ma alla scelta scellerata dei rappresentanti Istituzionali che ci hanno governato e ci governano, spero di potermela cavare a DIO compiacendo.

  5. Commerciante chiaramente più intelligente di chi ha scritto il protocollo.
    A proposito di protocollo.
    C’è qualche specialista in grado di dirci quanto può sopravvivere il virus su un pos o una tastiera di un bancomat?

    • Da ciò che si legge, parrebbe una decina di ore… in ogni caso conviene usarla cliccando con un fazzoletto di carta da buttare subito dopo…

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.