CORONAVIRUS, TUTTA L’ITALIA ZONA PROTETTA: SCUOLE CHIUSE FINO AL 3 APRILE, BAR E LOCALI CHIUDONO ALLE 18

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

Scuole chiuse fino al 3 aprile in tutta Italia. Vietati gli spostamenti delle persone, se non per comprovati motivi di salute, di necessità o di lavoro. Sono alcuni dei provvedimenti che entreranno in vigore da domani, con il nuovo decreto del governo che estende i divieti per l’emergenza Coronavirus a tutta l’Italia.

“Sto per firmare un provvedimento che possiamo sintetizzare con l’espressione “Io resto a casa” ha spiegato il premier Conte. “Ci sarà l’Italia come zona protetta”. Saranno applicati da domani tutti i divieti già previsti in Lombardia. I negozi e i locali possono rimanere aperti “a patto di garantire la distanza di sicurezza di un metro tra i clienti”: in caso contrario i titolari andranno incontro a sanzioni. Nei casi in cui non sia possibile garantire questa misura, l’attività dovrà essere chiusa. I bar e i ristoranti sono comunque obbligati a chiudere dopo le ore 18. Stop a tutte le manifestazioni sportive e alle attività didattiche sino al 3 aprile in tutta Italia.

In Italia sono 7985 i malati per Coronavirus, con un incremento di 1598 persone rispetto a ieri. Le persone guarite sono 724, 102 in più di ieri. I morti legati al virus sono 463, 97 in più di ieri. I  malati ricoverati in terapia intensiva sono 733, 83 in più rispetto a ieri.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

4 COMMENTI

    • Lei faccia un ripasso di lingua italiana al posto di commenti idioti: chiudono DOPO le ore 18, fino alle ore 18 sono APERTI.

  1. Solo un appello a sindaci governatori e al governo: certo la salute e’ la cosa più importante ma tutti dovete essere in una linea comune nell’ assistere le famiglie nel campo economico come la cassa integrazione o altro tipo. Purtroppo non tutti hanno ferie arretrate o maturate per coprire questo periodo. Ne sento tanti…mi raccomando altrimenti poi sono problemi grossi in campo sociale.

Rispondi a direttore Annulla risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.