CORONAVIRUS VALSUSA, UNA DONNA INCINTA POSITIVA: “ABBANDONATA DA TUTTI, DA 15 GIORNI ATTENDO IL TAMPONE”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

Buongiorno ValsusaOggi,
sono Chiara ho 29 anni e sono incinta di 30 settimane.

Il 20 ottobre ho eseguito il primo tampone risultando purtroppo positiva al Covid.
Ho rispettato e sto rispettando l’isolamento e sono letteralmente impazzita per conoscere l’esito del mio primo tampone (né SISP e né medico di base mi hanno avvisato della mia positività).

Ad oggi (15 giorni dopo il primo tampone) non sono stata chiamata per effettuare il secondo.
Ho chiamato il SISP che si è giustificato dicendo “Sa com’è signora ormai è saltato tutto, più che stare chiusa in casa e aspettare la chiamata non può fare altro, non sappiamo quando potranno mai chiamarla (per il SISP io risulterei ancora in attesa di effettuare il primo tampone)”.

Per il sistema io dovrei rimanere quindi sequestrata in casa fino ad una data X non stimabile. Data la mia situazione avrei visite ed esami da fare per la gravidanza e sono stata letteralmente “abbandonata” dalle istituzioni, dal mio medico di base e dalla mia ginecologa perché nessuno sa che direttive darmi.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

12 COMMENTI

  1. Provi a telefonare in ostetricia a Rivoli , perche’ il bilancio di salute tra qlche settimana lo deve fare comunque. Per gli esami del sangue e il tampone puo’ fare come ho fatto io a aprile cioe’ farli tutti al bilancio di salute.Questo se non ha gia’ qualche problema non riportato nella lettera. Comunque qualcuno la deve controllare ….non si puo’ rischiare nulla, lei stia serena per il bimbo.Non esistono dati di trasmissione tramite la placenta quindi la creatura non corre rischi .Hanno detto.

    • I ginecologi hanno fatto cosi’ anche a marzo con la prima ondata, il mio non mi ha visitata e la gravidanza era a rischio per precedenti esperienze.Ho chiamato Rivoli e mi hanno seguita al bilancio di salute. Ora non so come funzioni con una donna gravida che ha un virus infettivo, ma credo che contattando l’ ospedale di Rivoli o il sant’ Anna o altri qualcuno gli trovi una soluzione. Non capisco il perche’ di cio’ del resto virus e batteri sono sempre esistiti e i bimbi sono sempre venuti al mondo..mah!

  2. CIRIOOOOOOOOOOOOOOOO sveglia dai una regolata al tuo assessore alla sanità , visto che decantavi i test rapidi , BENE dalli a tutti i medici di base ed imponi loro di farli a TUTTI i loro pazienti (per cui sono profumatamente pagati ed a volte non li conoscono nemmeno) e questo nel giro di 60gg. Invece ti limiti a chiedere che il tuo Piemonte diventi ZONA ROSSA .
    Sai quanti voti prenderai le prossime elezioni ? Si tutti sulle gengive , purtroppo tu ed il tuo boss Salvini state dimostrando di essere solo dei parolai , FATTI CI VOGLIONO FATTI .

    • E c’era bisogno di mandarli a governare per sapere che i leghisti, tutti, sono solo dei parolai in continua cerca di consenso e poltrone ?

  3. E semplicemente vergognoso che ogni caso pubblicato venga giudicato da energumeni/e con battute da ignoranza …cattiveria….vi paragonerei a dei cerebrolesi se non fossi convinta che li offenderei..auguri alla neomamma….andrà tutto bene per te e il tuo piccolino,segui i consigli di Elisabetta e se non ti prendono in considerazione..fai il º chiama i carabinieri..l arma aiuta sempre..un bacione

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.