COVID E SCUOLE IN ALTA VALSUSA: SOLO 7 BIMBI POSITIVI IN 4 MESI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

DALLA DIREZIONE DIDATTICA STATALE “P.P. LAMBERT”

OULX – Il monitoraggio della situazione emergenziale Covid-19 nella Direzione Didattica Lambert (Alta Valle di Susa) è stato condotto a cadenza settimanale, fin dal primo giorno di lezione, in tutti i dodici punti di erogazione del servizio (undici plessi scolastici e un Ufficio di Segreteria didattica, collocati in sette diversi Comuni). Dai dati risulta che su complessive sette sezioni di Infanzia (128 bambini) e 28 classi di Primaria (404 bambini) e 87 adulti, tra docenti e personale ATA), nessuna classe è stata messa in quarantena a causa di contagi da Coronavirus.

Alcuni plessi sono passati totalmente indenni, senza registrare neanche un giorno di assenza “causa Covid” ma comunque tutte le sezioni e tutte le classi sono sempre state aperte, con lezioni sempre in presenza. Ciò nonostante in totale sono appena sette i bambini che tra i l mese di settembre e dicembre sono risultati positivi al Covid, mentre non arrivano alla ventina i bambini che sono stati invece in quarantena individuale, perché contatti di famigliari positivi. La percentuale di positivi tra i bambini è quindi appena superiore all’uno per cento (1,3 %). Fra i docenti e il personale ATA la percentuale è altrettanto minima: in tutto sono stati in quarantena individuale, perché positivi o contatti stretti di positivi, 4 docenti su 59 e 2 collaboratori su 23.

Non solo. Confrontando i dati delle assenze dei primi quattro mesi dell’anno scolastico scorso, con i primi quattro di questo “anno Covid”, si scopre che, pur essendo cresciuta la popolazione scolastica, dai 480 iscritti dell’anno scolastico 2019-2020 agli attuali 532 dell’anno scolastico 2020-2021, la percentuale totale delle assenze è restata pressoché invariata e in alcuni casi, come a Sestriere o a Sauze d’Oulx è addirittura scesa (rispettivamente da 52 a 44 giorni complessivi di assenza e da 206 ore a 146 ore totali di assenza). Un piccolo record, rispetto alla tendenza nazionale e locale, sul quale la Dirigente Barbara Debernardi e il suo gruppo di Referenti Covid di plesso si sono interrogati, per cercare di capirne le motivazioni.

Probabilmente una serie di fattori correlati hanno creato una tale condizione di sicurezza: la formazione preventiva per tutto il personale scolastico e le famiglie, condotta on-line e già prima dell’apertura della scuola, lo scrupoloso rispetto dei protocolli interni, la sottoscrizione di un patto di corresponsabilità tra scuola e genitori (che non hanno mai dovuto compilare quotidianamente il “bollettino temperatura”, ma si sono impegnati a non portare a lezione i figli con febbre superiore ai 37.5 gradi) e la riorganizzazione interna degli spazi, che senza trasformare le scuole in una via di mezzo tra l’ospedale e la prigione, ha comunque creato distanziamento con dischi colorati e giardini fioriti sui pavimenti.

A tutto ciò però si è aggiunta la scelta coraggiosa di svolgere quante più lezioni all’aperto, senza preoccuparsi delle condizioni meteo e della giovane età degli allievi. La scuola si è trasferita nei prati che circondano i paesi, negli orti degli insegnanti, nei centri storici dei borghi, sulle piste da fondo, sui sentieri di montagna e soprattutto nei boschi e nelle pinete, che sono diventate aule a cielo aperto e a respiro libero, in cui non solo fare attività motoria, ma studiare storia, scienze, geografia, lingue, tradizioni culturali e religiose del territorio, dove andare a disegnare, raccogliere materiali, ascoltare la musica della natura.

“Per una volta – afferma la Dirigente Debernardi – essere Piccole Scuole di Montagna anziché un problema logistico, di organizzazione, di reclutamento del personale, è diventato un valore aggiunto. L’emergenza sanitaria ci ha costretti a modificare la didattica; l’ambiente ci ha aiutato a volgerla in meglio, permettendoci di guadagnarci non solo in salute”.

Conclude la Debernardi: “In un territorio di alta e altissima montagna, con la scuola “più bassa” a 1.032 metri di quota e la “più alta” a oltre 2.000, con sedi anche minuscole, sparse in oltre 430 km quadrati di superficie, normalmente è faticoso gestire la quotidianità, gli spostamenti, i rifornimenti di materiali, le supplenze. Ma in questa occasione eccezionale i piani si sono capovolti. E probabilmente oltre all’impegno di tutta la comunità scolastica, ci ha salvato il distanziamento altimetrico e geografico, più che il tanto invocato distanziamento sociale”.

 

 

 

 

 


 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

3 COMMENTI

  1. Complimenti alla Dirigente Barbara Debernardi che ricordo come ottima insegnante già oltre 20 anni fa…segno che quando le persone sono intelligenti e volenterose riescono a rendere davvero speciale ciò che fanno. Brava

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.