CRISI IN VAL SUSA, ECCO TUTTI I NUMERI. L’ELENCO DI FABBRICHE E AZIENDE IN DIFFICOLTÀ: “UNA DESERTIFICAZIONE PRODUTTIVA”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di FABIO TANZILLI

Isol Edil Bussoleno, Toro Chiusa S. Michele, ItalCoge Susa, Cabind Chiusa San Michele, Serplast, Portedi Sant’Ambrogio. E poi Beltrame San Didero, Stile Bertone Caprie, Cabind, Vertek Lucchini Condove, Tekfor, Flenco e Azimut ad Avigliana, Ibs a Buttigliera, Alcar di Bruzolo, Selmat Sant’Antonino…tra fallimenti, mobilità, casse integrazioni ordinarie o straordinarie, e chiusure di attività, il 2014 in Val Susa ha rappresentato la strage dei posti di lavoro. In tutti i settori principali: edilizia, chimici/plastica, metalmeccanica, gomma, trasporti.

GUARDA E SFOGLIA QUI L’ELENCO COMPLETO DELLE AZIENDE IN CRISI

Una crisi profonda, profondissima. Nelle fabbriche e negli stabilimenti della Valle di Susa e della cintura ovest di Torino, ad oggi, si sono persi 10.000 posti di lavoro. L’allarme è stato lanciato dai sindacalisti Cgil e Uil dell’area torinese. “Da questa crisi sono interessati particolarmente Collegno e tutta l’area Ovest della provincia – spiegano i sindacalisti – per la Val Susa si può parlare di desertificazione del sistema produttivo”.
“Occorre riaprire dei tavoli per il lavoro con i Comuni della Val Susa – lancia l’allarme Maurizio Poletto, responsabile locale della Cgil – la richiesta verrà fatta all’Uunione dei Comuni, chiedendo la ri-convocazione del tavolo per il lavoro della Comunità Montana”.

Non servono commenti: basta guardare le tabelle con tutti i numeri, l’elenco delle fabbriche e i posti di lavoro persi e a rischio. Un 2014 da dimenticare.

TABELLE CON LE AZIENDE IN CRISI DI VAL SUSA E CINTURA OVEST:

image

image

image

image

image

image

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

  1. Leggendo questo con occhi da imprenditore posso dire che se è stato scritto sarà sicuramente la verità e la cosa fa rabbrividire. Pertanto tenete duro perché le crisi in ogni paese hanno sempre avuto una fine.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.