DA OULX A VENARIA, GLI STUDENTI DEL DES AMBROIS RICORDANO MARIA TERESA NOVARA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di LUCIANO DI SONDRIO

OULX / VENARIA REALE – Il 26 novembre la classe quarte del Liceo Linguistico Des Ambrois di Oulx ha partecipato all’evento denominato “Più lontana dalla Luna-Mille e una nota per Maria Teresa” presso la Reggia di Venaria Reale, in ricordo della giovanissima Maria Teresa Novara, lasciata morire nel 1969, dopo essere stata rapita e tenuta segregata per mesi dai suoi carnefici a Canale d’Alba, e il cui caso giudiziario è stato recentemente riaperto per accertare responsabilità sinora rimaste impunite.

La serata di riflessione, organizzata dalla Commissione Regionale per le Pari Opportunità, si è tenuta in occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. La classe quarta del liceo valsusino nei prossimi mesi sarà destinataria del progetto dal titolo “A scuola di pari opportunità”, con referente la prof.ssa Enrica Calabria, e con il coinvolgimento di Caterina Agus, vicepresidente della Crpo.

“Più lontana dalla luna”, realizzato con musiche, danze, esibizioni corali e letture, ha visto la partecipazione interessata, e spesso commossa, degli studenti nei momenti di ricordo e di riflessione sulla violenza in tutte le sue forme, momenti ispirati al grave fatto di cronaca che proprio poco dopo l’arrivo del primo uomo sulla Luna, quando per l’umanità si apriva l’infinito, per Maria Teresa Novara, appena tredicenne, vedeva cadere ogni speranza, con la morte per asfissia nel cubicolo sotterraneo in cui era tenuta prigioniera.

Maria Rosa Porta, Presidente Crpo e Caterina Agus, vicepresidente, nell’introduzione all’evento, di fronte ad un pubblico attento e numeroso, hanno entrambe sottolineato come sia indispensabile portare nelle scuole le tematiche sulla discriminazione di genere, perché proprio in ambito scolastico è possibile iniziare a rendere più consapevoli e responsabili ragazzi e ragazze per prevenire la piaga dei femminicidi e della violenza.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.