DALL’EUROPA 7 MILIONI DI EURO ANCHE PER LA VALSUSA: GRAZIE A “CUORE DELLE ALPI”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

DALLA CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO

BARDONECCHIA – Una montagna sostenibile e intelligente: è questo l’ambizioso obiettivo di “Cuore delle Alpi” il piano integrato territoriale (Piter) finanziato nell’ambito dei progetti Interreg Alcotra 2014\2020. che è stato presentato questa mattina, martedì 22 gennaio, al Palazzo delle Feste di Bardonecchia.

Il piano, che ha un finanziamento FEsr di oltre 7 milioni di euro, si propone di rendere la montagna una destinazione intelligente, accessibile e attrattiva per i nuovi residenti, per le attività produttive e i turisti, garantendo insieme un’elevata qualità della vita per chi vive nelle Alte Valli, riducendo il rischio che si trasformino in un luogo di passaggio. Quattro i temi su cui si fonda: innovazione imprenditoriale dedicata al turismo di montagna, resilienza intesa come prevenzione dei rischi naturali, mobilità sostenibile, inclusione sociale.

Numeroso il partenariato che vede per il versante francese il Syndacat Pays de Maurienne, capofila del progetto, le Communauté de Communes du Briançonnais, dei Pays des Ecrins, di Porte de Maurienne, di Maurienne Galibier; mentre la Città metropolitana di Torino è fra i partner italiani con Città di Pinerolo, Gal escarton Valli valdesi, Unioncoop, Cna: il territorio metropolitano direttamente coinvolto è quello geograficamente compreso nelle Unioni montane Comuni olimpici Via Lattea; Alta Valle di Susa; Val di Susa; Val Sangone; Pinerolese; Valli Chisone e Germanasca.

Dopo i saluti di Francesco Avato, sindaco di Bardonecchia e della consigliera della Città metropolitana Anna Merlin, delegata ai progetti europei, sono intervenuti per la Conferenza della Alte Valli il presidente Jean-Claude Raffin, sindaco di Modane e i vicepresidenti Maurizio Beria D’Argentine, sindaco di Sauze di Cesana, Ermanno Marocco, assessore dell’Unione montana del Pinerolese e Guy Hermitte, vicepresidente della Comunità di Comuni del Briançonnais.

Anna Merlin ha sottolineato l’importanza di un lavoro che nasce “dal basso” e che vuole costituire un trait d’union indispensabile fra città e montagna: “Cuore delle Alpi prende le mosse dall’assunto coraggioso che le montagne sono una risorsa immensa sotto tutti i punti di vista, e che il loro rilancio -economico e sociale- è un modo di intendere lo sviluppo in maniera innovativa, che non concentra il benessere in modo tradizionale nei grandi centri urbani e in prossimità alle grandi imprese, ma immagina una rete fatta di nodi di pari importanza, indipendentemente dalle dimensioni e dalle concentrazioni, e tutti capaci di produrre opportunità e benessere” ha sottolineato. Negli interventi di Raffin, Marocco, Beria d’Argentine e Hermitte, forte è emerso il valore del lavoro svolto in quasi vent’anni dall’associazione Conferenza delle Alpi, che ha creato le basi per un sereno confronto transfrontaliero e contribuirà a far sì che il Piter abbia una reale ricaduta sui territori coinvolti.

La mattinata è proseguita con un focus sui singoli progetti: la Città metropolitana di Torino è capofila del progetto Cuore solidale, che mira ad affrontare il problema della mobilità sociale, sviluppando servizi a chiamata, sperimentando soluzioni per le persone che sono più isolate come gli assistenti di borgata e i luoghi condivisi; e di Cuore resiliente, che interviene sulla sicurezza del territorio e sulla capacità di conoscere i rischi e contrastarli all’interno della comunità residente, dagli imprenditori turistici agli studenti; mentre Cuore innovativo si concentra sull’imprenditorialità legata al turismo alla quale vuole mettere a disposizione strumenti innovativi; e infine Cuore delle Alpi mobilità che punta a incentivare una mobilità sostenibile e connettiva attraverso al sperimentazione dei servizi oggi a disposizione, da quelli a chiamata a quelli sharing.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

2 COMMENTI

  1. Bei discorsi!
    Bisogna vedere poi se con quei soldi, che non piovono per grazia dal cielo, ma vengono dalle tasche dei cittadini, si farà qualcosa di utile, non solo per gli addetti ai lavori.
    La vera notizia sarà il resoconto di cosa sarà stato fatto con quei soldi.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.