CONDOVE, DOPO L’APPELLO SU VALSUSAOGGI DONATE LE MASCHERINE AL RAGAZZO INVALIDO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

CONDOVE – Missione compiuta. A poche ore dall’appello pubblicato su ValsusaOggi, in tantissimi avete contattato la nostra redazione e la famiglia del minore invalido che non aveva ricevuto le mascherine. A seguito del nostro articolo, l’obiettivo è stato raggiunto, grazie alla grande generosità di tanti valsusini. Complimenti!

Ecco la lettera di ringraziamento del papà.

LETTERA FIRMATA

Buongiorno,

innanzitutto grazie per il vostro intervento. Ora ci sono state consegnate mascherine per tutta la famiglia non solo per mio figlio. Se è possibile vorrei ringraziare tutti coloro che mi hanno contattato con queste poche parole.

Volevo ringraziare tutti coloro che mi hanno contattato (e non siete stati pochi) dal singolo cittadino all’ente pubblico (Vigile del Fuoco e Croce Rossa) e alle ditte private (come DT Medical Service 24, Martina Group e molti altri), non solo della Valle ma anche di Torino e provincia.

Non è la dimensione del dono ricevuto che conta, ma la dimensione del cuore che lo dona. Una mascherina per aiutare mio figlio ad uscire di casa (nei limiti consentiti) in questa periodo di emergenza può fare la differenza. La solidarietà esiste e noi ne siamo la prova. Grazie di cuore a tutti

La solidarietà esiste e noi ne siamo la prova.

Grazie di cuore a tutti.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

4 COMMENTI

  1. per fortuna la situazione si è risolta al meglio.
    purtroppo evidenzia il fatto che in molti abbiano fatto incetta di mascherine, lasciando soggetti più fragili privi della possibilità di procurarsele.

  2. Ma che incetta!
    Non ci sono proprio, nemmeno per il personale sanitario che se ne sta lamentando.
    Le mascherine non ci sono, ma tutti i giorni c’è una nuova autocertificazione da scaricare.
    Così il governo vuole dimostrare la propria efficienza

    • confermo quanto detto.
      c’è chi riesce a cambiarla ogni giorno (anche se non obbligati a indossarla a causa del lavoro svolto) e chi non ne ha neanche una…

  3. Mi vergogno di quanto accaduto in quanto italiano. Sono lieto del cuore della gente della valle.Gente dal cuore grande e spalle larghe.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.