DUE INCENDI A VALGIOIE APPICCATI DA VOLONTARIO AIB: PATTEGGIAMENTO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dall’UFFICIO STAMPA DEI CARABINIERI

VALGIOIE – Un appartenente al Corpo Volontari Antincendi Boschivi del Piemonte ha patteggiato la pena di anni due di reclusione poiché ritenuto responsabile, dal Tribunale di Torino, di aver appiccato due incendi boschivi nel Comune di Valgioie all’inizio dell’anno 2020. A seguito di ripetuti eventi di incendi in una particolare area della bassa Valsusa, i Carabinieri Forestali del Gruppo di Torino, diretti dal Sostituto Procuratore della Repubblica Dott. Gianfranco Colace, hanno attivato indagini di polizia per risalire ai responsabili.

La particolarità sulla quale si sono concentrati gli investigatori era che gli incendi, non di grandi dimensioni, si sviluppavano a ridosso di vie di comunicazione e in luoghi facilmente accessibili da parte dei soccorritori che riuscivano quindi ad estinguerli in breve tempo e piuttosto agevolmente. La frequenza, la periodicità degli eventi, le modalità di accensione hanno messo i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale di Torino sulla pista giusta individuando, al termine di complesse e delicate indagini, un unico sospettato residente nella zona appartenente alla locale squadra di spegnimento dei Volontari AIB.

L’attività successiva di controllo, pedinamento e osservazione, attuata anche attraverso l’ausilio di strumentazioni tecniche, ha consentito di ricondurre inequivocabilmente al fatto che fosse stato lo stesso volontario ad appiccare almeno due degli incendi contestati; lo stesso incendiario aveva partecipato successivamente alle fasi di spegnimento insieme alla squadra AIB di appartenenza ed al dispositivo di protezione civile che era stato attivato.

A seguito di condanna su richiesta delle parti al reo sono stati comminati anni due di reclusione dal Giudice delle Indagini Preliminari di Torino, pena sospesa. Ovviamente, a seguito di ciò, il soggetto è stato dimissionato dal Corpo Volontari AIB Piemonte.

Il patrimonio boschivo nazionale è un bene giuridico fortemente tutelato dall’ordinamento, tanto che il reato di incendio boschivo commesso dolosamente prevede la pena base da quattro a dieci anni di reclusione e comporta l’arresto obbligatorio del criminale in caso di flagranza di reato; in caso di incendio boschivo cagionato per colpa (fatto commesso per imprudenza, imperizia, negligenza o mancato rispetto di regole) la pena è da uno a cinque anni di reclusione.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

3 COMMENTI

  1. questi reati devono essere sanzionati severamente, a monito dei delinquenti! L’incendio doloso dei boschi è attentato al patrimonio ambientale e assassinio di una moltitudine di animali selvatici. Inoltre se fuori controllo può carbonizzare anche case e …persone!!!

  2. Sicuramente un attentato con grande danno alla natura in tutti i suoi aspetti e destabilizzazione del suolo per molti anni.
    Per queste mele marce le punizioni devono essere molto severe.
    Per fortuna questi personaggi vengono prontamente individuati e fermati.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.