ELEZIONI AD AVIGLIANA / L’ANNUNCIO DEL SINDACO PATRIZIO: “MI RICANDIDO SOLO SE ME LO CHIEDERÀ ESPRESSAMENTE IL COMITATO AVIGLIANA CITTÀ APERTA”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
patrizio mattioli
Angelo Patrizio con Carla Mattioli

di JESSICA VALERIANO

AVIGLIANA –  “Se non mi verrà chiesto espressamente di ricandidarmi dal comitato Avigliana Città Aperta, io non ho intenzione di farlo”. A pochi mesi dalle elezioni amministrative, il sindaco uscente Angelo Patrizio rivela a ValsusaOggi i suoi obiettivi. L’amministrazione Patrizio è stata sostenuta durante tutti i cinque anni dalla lista “Avigliana Città Aperta”: un comitato promosso da Carla Mattioli, Enrico Tavan e altri amministratori con l’obiettivo “svincolarsi” dai partiti ed impedire ad altri schieramenti (come la lista “Grande Avigliana” frutto dell’alleanza locale tra Pd e Pdl) di “vanificare gli sforzi ambientalisti delle amministrazioni precedenti e trasformare Avigliana in una città Si Tav”.

“Non è mia intenzione prolungare la permanenza in Comune, a meno che non sia il gruppo a chiedermelo – aggiunge il primo cittadino – nel mandato che si avvia alla conclusione abbiamo raggiunto parecchi obiettivi, nonostante i tagli…ad esempio i sostegni alle fasce più deboli, all’istruzione e alle attività sportive e culturali. Dal punto di vista urbanistico/edilizio abbiamo realizzato i lavori del centro storico e i nuovi accordi per l’Area Riva, senza dimenticare il cantiere all’ospedale Sant’Agostino che era bloccato dal 2012 e ora in fase avanzata, con l’inaugurazione del nuovo Cup”.

Patrizio ci tiene a rimarcare anche i progetti portati avanti per migliorare la viabilità cittadina: “A breve partiranno i lavori per riaprire lo svincolo di Avigliana Est in autostrada, e quelli per la nuova rotonda della Girba, per la quale si è arrivati ad avere un progetto definitivo e una copertura finanziaria, oltre che alla messa in sicurezza dell’intera strada provinciale 190 che collega Avigliana a Giaveno. Ci sono inoltre tutti i miglioramenti apportati alla rete idrica: per l’acquedotto cittadino sono stati stanziati per i prossimi anni 3 milioni di euro. Avigliana avrà presto anche un distributore di Gpl e metano in corso Europa”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

5 COMMENTI

  1. Io di contro direi sulle opere: 1)persa stazione intermodale fs su comune di ferriera 2)chiusura ospedale avigliana 3)pista di guida sicura persa tra sant.ambrogio e villardora 4)chiisura tritolo…locale storico…..

  2. Non ho ancora sentito nessuno che si prenda cura della rete fognaria borgata grangià che ormai da anni dopo due ore di piogge si riempie e provoca disagi a tutti gli abitanti

  3. Per il sindaco di Avigliana voterò per una persona di esperienza, che abbia dimostrato qualità e competenze con una carriera almeno ventennale (escludo quindi giovincelli di belle speranze… avranno tempo i prossimi turni).
    1) Serietà, onestà, concretezza e capacità di agire per obiettivi sono ovviamente indispensabili;
    2) Vorrei una persona capace di sviluppare un turismo in entrata (incoming) molto più distribuito nell’anno. La cosa è possibile! Ho insegnato per anni tecnica turistica, ho collaborato con tour operator- settore incoming, ho fatto consulenze per strutture ricettive, ho qualche pubblicazione al riguardo. Ritengo quindi di parlare a ragion veduta.
    Le affollate domenicali sono gradite ma insufficienti.
    Avigliana può integrare le sue attrattive turistiche con progetti innovativi utilizzando i dislivelli presenti nel territorio e la presenza di due laghi, caso unico in provincia.
    Fantasia e concretezza possono determinare il successo. La misura del successo turistico incoming è dato in primis dai pernottamenti. I dati dimostrano quanto povera sia la situazione attuale, rispetto al potenziale.
    3) Avigliana può diventare una delle basi logisticche per escursioni di più giorni in varie parti della provincia, Torino compresa;
    Lo sviluppo dell ‘incomig turistico ad Avigliana sarebbe la svolta decisiva in grado di dare finalmente alla città una vivacità e uno smalto nuovi ed entusiasmanti. Ci sarebbe una impennata nell’occupazione.
    4) Per l’area Riva si dovrebbe investire in attrattive turistico-sportive e in strutture a beneficio dei bambini.
    Intendo per le prime una piscina moderna e molto grande, con copertura mobile per utilizzo con ogni tempo e in ogni stagione, per le seconde parchi giochi spaziosi e sicuri ed eventualmente una piscina per bambini
    Per tutti camminate tra giardini degni della tradizione italiana con punti di ristoro e ludici adeguati;
    5) le limitazioni dovute ai fondi bloccati per patto di stabilità sono un reale ostacolo, ma, senza avventure finanziarie, da rifuggire rigorosamente, si può tentare di finanziare le opere interessando enti pubblici e privati, coinvolgendoli per quanto possibile in joint venture di reciproco interesse.
    6) Ovviamente importantissima è l’efficienza nei settori caratteristici di ogni attività comunale: attività commerciali, anagrafe, nettezza urbana, tributi, viabilità, sicurezza, protezione civile e ambiente, cultura, igiene, ecc.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.