EX OSPEDALE DI AVIGLIANA: DA SETTEMBRE TORNANO I 20 POSTI LETTO PER LA CONTINUITÀ ASSISTENZIALE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di MATTEO BUSCIOLÀ

AVIGLIANA – Durante il consiglio comunale di lunedì 30 luglio, il gruppo consiliare “Adesso Avigliana” ha chiesto aggiornamenti sul potenziamento dei servizi sanitari all’interno dell’ex ospedale (oggi “Casa della salute”). 

Il capogruppo Antonio Spanò si sofferma anche su alcune delle attrezzature e macchinari ospedalieri che erano presenti solo il giorno dell’inaugurazione della Casa della salute: “Sono state subito tolte dopo l’evento – ha affermato – ma quello che ci preme davvero capire è se il polo sanitario di Avigliana sia davvero funzionale e pienamente funzionante secondo le sue potenzialità“.

L’assessore Fiorenza Arisio risponde all’interrogazione affermando che “Ogni quindici giorni  ci sentiamo con il direttore di distretto dell’Asl per sapere le novità”. Poi ha fatto un aggiornamento sui servizi disponibili nel polo sanitario: I lavori al piano che ospita il servizio Continuità Assistenziale a Valenza Sanitaria sono ancora in corso, si prevede che siano finiti a metà settembre“. In questo modo saranno nuovamente disponibili i 20 posti letto per il ricovero post ospedaliero di pazienti provenienti da altre strutture. L’assessore ha aggiunto che “i servizi spostati a Rivoli faranno ritorno ad Avigliana”.

Per quanto riguarda gli altri servizi o ambulatori, la Arisio ha precisato:  “Da metà maggio il 118 è andato nella nuova sede, dove una volta facevano gli esami del sangue, mentre il piano ammezzato della casa della salute ospiterà i servizi del materno infantile e il centro vaccinazioni, che ora sono al San Giuseppe. Quindi torneranno nel polo sanitario“.

L’assessore ha annunciato “il ritorno dell’associazione Svolta Donna a inizio settembre, mentre il Sert e il centro della salute mentale restano ancora all’istituto San Giuseppe. Ovviamente la nostra intenzione è quella di unificare tutti i servizi socio-assistenziali in un’unica sede, come previsto per legge, ovviamente accordandosi anche con il Conisa per individuare i locali adatti”.

E le apparecchiature mediche che erano presenti solo il giorno dell’inaugurazione? L’assessore Arisio ha risposto che “erano dei dispositivi sperimentali. Non li hanno rubati, ci è stato detto che torneranno alla casa della salute da metà settembre e saranno acquistati dall’Asl tramite gara, mentre gli elettro-cardiografi sono stati donati dalla fondazione Magnetto, quindi saranno disponibili anche prima di settembre”.

 

Il capogruppo Spanò ha chiesto si sapere chi sia il responsabile della manutenzione del piazzale davanti al polo sanitario, segnalandone la pericolosità: “Tempo fa un’auto si è ribaltata a causa dell’eccessiva ripidità della strada d’ingresso”. Archinà ha replicato che “Il piazzale è di competenza dell’Asl, che provvederà a sistemarlo perché questo rientra nei piani riqualificazione. Il Comune da tempo ha chiesto invece di potersi occupare della parte esterna, dove dovranno essere posizionati i parcheggi per i disabili”. 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.