FESTE DI MATRIMONIO, LA CANTANTE VALSUSINA PAMELA VINCE CON ALE IL “WEDDING AWARDS 2018”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Pamela e Alessandro

di NORMA RAIMONDO

CONDOVE – Hanno 5 stelle, ma la politica non c’entra. Loro si occupano di musica e, a quanto pare, se ne occupano bene. Talmente tanto da essere tra i 17 gruppi vincenti, nell’apposita sezione, del Wedding Award 2018, messo in palio dal sito www.matrimonio.com, forse il più noto dei portali riservati alle nozze. Pamela Cuatto, 36 enne di Condove ed Alessandro Armuschio, 34enne originario di Givoletto ma ora residente nel Canavese, sono infatti i trionfatori del titolo che il sito ha messo in palio basandosi sulle recensioni dei visitatori. Pamela ed Alessandro, in arte Pam ed Ale, hanno ottenuto il massimo, 5 stelle, appunto, in ciascuna delle categorie prese in esame, ovvero qualità del servizio, rapporto/qualità prezzo, professionalità, risposta e flessibilità. Le 24 coppie di sposi che li hanno scelti per animare la loro festa di nozze si sono espressi all’unanimità e le recensioni in rete parlano chiaro: Pam ed Ale sono versatili, gentili, disponibili, molto professionali e curano in ogni minimo dettaglio la riuscita dell’evento.

Coppia nel lavoro ma non nella vita, hanno “ingranato la marcia” fin dalla prima conoscenza. Bisogna però fare un passo indietro per ricostruire la loro storia professionale. Pamela ha all’attivo una proficua collaborazione canora con un gruppo di cui, improvvisamente, senza grossi preavvisi, nei primi anni del nuovo millennio cessa di far parte, trascinandosi appresso strascichi giudiziari. Lei smette di collaborare, ma ormai la sua voce e la sua bravura sono note, ben fuori dai confini valsusini. Il fatto che non canti più spiace a molti dei suoi estimatori. Tra questi, anche Renato, titolare dell’Osteria dei Vagabondi di Sauze d’Oulx, che la mette in contatto con Piero Tomatis, fondatore dei Pericolo Genetico di Nole. Tomatis, oggi direttore di Dimensione Eventi ed a contatto con artisti del calibro di Allevi, Tozzi, Nomadi, Pfm, Bennato, solo per citarne alcuni, capisce che la ragazza ha voce e stoffa da vendere. E’ il 2004 quando Pamela entra come vocalist nei Pericolo Genetico. Solo 3 anni dopo, nel 2007, arriverà Alessandro, cresciuto a pane e musica, nonchè voce e tastiere degli Ossi Duri, nota band torinese che vanta, tra le tante altre, collaborazioni con nomi del calibro di Elio, Rocco Tanica, Claudio Bisio, Freak Antoni. Tra un’esibizione e l’altra, nonchè l’animazione di feste di S.Silvestro strepitose presso un hotel a 5 stelle a Courmayeur dove i vip sono di casa, Pam ed Ale capiscono l’importanza di un duo: “Suonavamo anche come gruppo ai matrimoni – spiega Pamela – ma ovviamente due persone si muovono più facilmente di un gruppo ed anche i costi per i futuri coniugi sono più contenuti”. Decidono così di affiancare anche questa nuova attività, che dà subito i suoi frutti. “Lui è un musicista nudo e crudo – puntualizza Pamela – ma all’occorrenza canta anche. Spesso ci hanno chiesto di duettare. Noi ascoltiamo le esigenze degli sposi: personalizziamo la colonna sonora della giornata, garantiamo l’aperitivo musicale, il servizio durante pranzo o cena, gli intrattenimenti, il primo ballo, il dj set, ma ci lasciamo coivolgere anche dagli scherzi che vengono proposti da amici e parenti. Alessandro può esibirsi con due strumenti, registrando ad esempio un riff di chitarra e suonandoci sopra la musica dal vivo. Non abbiamo un repertorio rigido, ci adattiamo alle esigenze del momento”. Forse proprio la capacità di improvvisazione, la sintonia che riescono a garantire in ogni contesto, la spigliatezza ed allegria, testimoniata dai numerosi selfie che li vedono protagonisti, sono loro valsi il prezioso riconoscimento, di cui sono venuti a conoscenza martedì 20 marzo. “Ho inserito il giorno stesso on line la richiesta per ottenere la prova “materiale”, ovverosia quello che penso sia una sorta di gagliardetto che certifica il premio ottenuto” anticipa Pamela mentre si gode il suo nuovo ruolo di mamma di Beatrice, nata a novembre. Presto, comunque, insieme ad Ale sarà di nuovo operativa per allietare nuovi eventi. “Sul portale ci siamo iscritti due anni fa e già lo scorso anno eravamo stati consigliati per le recensioni positive. Quest’anno è arrivata questa piacevolissima sopresa, che ci inorgoglisce parecchio, perchè il riconoscimento più importante per noi è proprio la soddisfazione ed il passaparola di chi ci sceglie e poi ci consiglia ad altri”. Sposi che iniziano la vita a due conseguendo subito risultati d’oro, senza nemmeno dover aspettare di tagliare il traguardo dei 50 anni di matrimonio.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.