FOTO / AGGIORNAMENTO ORE 12: I CANADAIR IN AZIONE CONTRO GLI INCENDI DI VENAUS, “CESSATA L’EMERGENZA A MOMPANTERO”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Lunedì 30 ottobre, ore 12: Susa e la montagna di Mompantero dalla curva del Belvedere (foto Blandino)

dal nostro inviato IVO BLANDINO

VENAUS (ORE 12) – I Canadair stanno spegnendo gli ultimi focolai in quota a Novalesa e Venaus. Intanto i vigili del fuoco hanno diramato il comunicato stampa in cui fanno il punto della situazione.

FOTO / L’INTERVENTO DEL CANADAIR

ESTRATTO DEL COMUNICATO DEI VIGILI DEL FUOCO

Nell’area di Mompantero per la presenza di fortissimo vento, il fronte di fiamma si è esteso verso Novalesa e Venaus verso il bordo del torrente Cenischia, l’estensione dell’incendio nella parte bassa del vallone ha interessato alcune case che non necessitano di evacuazione degli abitanti, in alta valle l’incendio risulta essere molto vasto e stanno operando 2 Canadair. A scopo cautelativo è stata interdetta l’accesso alla strada che porta ad una baita abitata.

Nella giornata del 30 è cessata l’emergenza nelle frazioni Trinità alta e bassa, San Giuseppe, Pietrastretta, Urbiano e Seghino, e gli abitanti sono rientrati nelle proprie abitazioni. Non è stato necessario evacuare gli anziani della Casa di Cura di San Giacomo a Susa: è presente personale vigile del fuoco in presidio.

Nel territorio di Mompantero è presente qualche piccolo focolaio, il vento è debole si procede alla bonifica della parte interessata dall’incendio. Nell’area di Seghino continua l’incendio.

Nella parte alta del territorio di Caprie con vento debole non si rilevano ulteriori focolai di incendio.

Nella zona sud del comune di Cumiana il fronte di fiamma tende ad estendersi verso il comune di Giaveno,

A Roure la situazione è ancora abbastanza grave, l’incendio ha raggiunto le frazioni di Bourcet e Chezalet; stanno operando 2 canadair e 1 Drago 66.

Frossasco- Casa Canada: l’incendio è sotto controllo.

A Cantalupa sono presenti alcuni focolai sotto controllo.

Le situazioni a maggiore criticità sono nelle aree di Cumiana e Mompantero (verso Venaus-Novalesa) dove il forte vento ostacola le operazioni aeree.

In tutta la regione stanno operando 186 unità dei Vigili del Fuoco e 220 unità volontarie AIB della Regione Piemonte, con l’ausilio della flotta di Stato composta da: 4 aerei tipo Canadair, 1 elicottero Ericcson SR61, 2 elicotteri VF Drago 66 e 4 elicotteri della flotta messa a disposizione dalla Regione Piemonte.

L’operatività di tali velivoli è condizionata dalla presenza di nuvolosità, vento e situazione orografica. La situazione viene coordinata dalla SOUP presso la Direzione Regionale dei Vigili del Fuoco dove sono presenti rappresentanti della Regione Piemonte, dei Vigili del Fuoco, Carabinieri Forestali e volontari Aib della Regione Piemonte, in costante collegamento con i sindaci, con le prefetture, con i comandi provinciali dei Vigili del Fuoco e dei Carabinieri e con le strutture del volontariato Aib.
Localmente sono stati attivati i Centri Operativi Comunali di Coordinamento (COC) presso i Comuni di Caprie, Traversella, Sparone, Locana, Mompantero, Cumiana, Cantalupa con postazione Vigili del Fuoco e posti di comando avanzati dei vigili del fuoco (UCL) presso Mompantero e Cantalupa.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

2 COMMENTI

  1. Grazie a tutti! Grazie davvero! Mi viene la pelle d’oca nel pensarvi … mi viene da chiedere come si fa a voler creare così tanto danno nel luogo in cui si vive! Mi sto chiedendo e cercando risposta se coloro che hanno messo atto a tutto ciò (perché si sa che e’ stato provocato)si sono resi conto della gravità …o semplicemente con le loro menti contorte staranno continuando a ridere alle spalle di tutti! Non so cosa pensare … che intervenga la giustizia…come si deve! Non quando conviene!

    • GRAZIE a Vigili del Fuoro, AiB e Protezione Civile SEMRPE IN PRIMA LINEA ogni qualvolta questo maltrattato Paese ne ha bisogno… e purtroppo tra terremoti, alluvioni, incendi e altri disastri, a quanto pare, sempre più spesso!
      Persone come loro sono il vero ORGOGLIO di questa nazione, una delle poche realtà che mi rende ancora fiero d’essere italiano. GRAZIE GRAZIE GRAZIE!

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.