FOTO / CASELETTE, INAUGURATA L’OASI NATURALISTICA DI PRIMAVALLE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dall’UFFICIO STAMPA DEL COMUNE DI CASELETTE

CASELETTE – Nel primo pomeriggio di domenica 4 novembre si sono ufficialmente aperti per la prima volta i cancelli dell’oasi naturalistica di Primavalle. Una cinquantina le persone che hanno sfidato il tempo, per essere presenti all’inizio di una nuova vita per una zona che promette di offire grande pregio a tutto il territorio.

Ad occuparsene l’associazione di volontariato Natura Invisibile il cui loro motto è molto chiaro: “La biodiversità sta scomparendo anche a due passi da te, difendiamola insieme“. L’associazione è nata nel marzo 2017 dall’iniziativa di alcuni giovani naturalisti e biologi con lo scopo di occuparsi di studi e tutela della biodiversità. “In particolare l’interesse dell’associazione è rivolto a quelle realtà territoriali prive di tutela – afferma il presidente Davide Marino – e spesso di estensione ridotta ma importanti per la conservazione della biodiversità locale. Ci occupiamo dunque di individuare luoghi interessanti per aspetti faunistici e vegetazionali della cintura di Torino e mettere in atto azioni per preservarli dal degrado dell’azione antropica oppure recuperarli e ripristinarli qualora siano danneggiati oppure a rischio di scomparsa. Scopo ultimo dell’associazione è la creazione di una rete di oasi naturalistiche che correttamente gestite garantiscano la sopravvivenza della biodiversità locale e la ripresa della sua espansione“.

Tra gli interventi già realizzati da Natura Invisibile la riqualificazione di una vasca presente nel Parco della Rimembranza nella collina di Torino e il ripristino dello storico stagno nell’Eremo dei camaldolesi di Pecetto Torinese. Poi c’è il grande progetto tuttora in atto che vede l’associazione impegnata nella riqualificazione dell’area naturalistica posto alle pendici del Musinè nella cosiddetta “Zsc” ossia zona speciale di conservazione del Monte Musinè e laghi di Caselette. “In seguito ad un accordo con il comune per la gestione dell’area – continua Marino – ci stiamo occupando della rinascita della stessa, una stupenda Oasi xerotermica ricca di aree umide naturalizzate, allo scopo di mantenere l’elevata biodiversità della zona e renderla luogo fruibile, di didattica e divulgazione ambientale“.

La prima visita guidata è passata dal prato umido, gli stagni, passando per il lago e fino alle cave di magnesite. “Abbiamo inaugurato il nuovo sentiero naturalistico dell’oasi di Primavalle, un posto splendido alle pendici del Musinè che continueremo a valorizzare insieme all’associazione Natura Invisibile – spiega infine il sindaco Pacifico Banchieri – Faremo altre iniziative nella prossima primavera mettendo Primavalle in collegamento con la Villa Romana: nella stessa giornata visita all’oasi e alla villa, per unire insieme cultura e natura“.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.