FOTO-DENUNCIA DI UN LETTORE: IL DEGRADO DEGLI ORTI TRA CESANA E SAUZE DI CESANA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

RICEVIAMO DA UN LETTORE

Buongiorno Gent.mo direttore,

Le scrivo in quanto vorrei portare l’attenzione generale degli abitanti della zona di Cesana, in particolare del comune di Sauze di Cesana, al degrado che si sta creando a seguito di abitudini di incivile “residenza e domicilio”!
Da sempre si è soliti coltivare orticelli nelle vicinanze dei borghi e delle abitazioni e lungi dal voler contrastare tale uso consolidato, tuttavia quando l’abitudine si trasforma in degrado, abbandono e poco o nullo interesse nei confronti del buon vivere comune, è necessario intervenire e farlo presente, pertanto mi permetto di inviarle qualche foto scattata in data odierna, in vari orari, con il graduale scioglimento della neve, al fine di vedere ciò di cui le parlo.

 

Si tratta di recinzioni abbozzate a delimitare orti e depositi, prevalentemente costituiti da materiale di recupero e fortissima passione per le lamiere, che come ben sappiamo da queste parti costituiscono alloggi preferiti dalle vipere, che tutto sono meno che gradevoli e sicure per i nostri bambini e cani!

Fino ad ora siamo stati in grado di farvi fronte per pura casualità, stanando i rettili…abbiamo foto di famigliole di vipere nei nostri giardini, ma credo sia sciocco aspettare la disgrazia per denunciare l’incivilità di personaggi che mettono a rischio la salute dei propri compaesani e non, nascondendosi dietro un dito.

Ben vengano gli orti, ma se si sanno gestire, curare e soprattutto amare. Ci lamentiamo da buoni piemontesi del degrado dei campi rom nelle nostre città, ma basta farsi un giro da queste parti per domandarsi se i rom siano arrivati anche qui!

La prego vivamente di pubblicare la questione usando i termini che sicuramente lei nel suo ottimo lavoro saprà scegliere con attenzione, e la ringrazio molto.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

9 COMMENTI

  1. Come già denunciato in una mia lettera ad un settimanale locale anni fa. Coppia di nostri amici della provincia di Trento in visita erano rimasti colpiti da come una bella valle come la nostra abbondava di baracche anche dietro a belle ville. Case belle con l’immancabile baracca al seguito.Malcostume di tutti i paesi della valle dalla bassa all’ alta.

  2. Avete ragione è necessario che chi di dovere intervenga, per tutti, turisti e non. Speriamo non sia necessario andare a striscia la notizia…

    • A me sembra che le foto siano state fatte allo scopo di colpire un unico propietario visto che rappresentano lo stesso luogo visto da diverse angolazioni, eppure l’articolo dice diversamente……….

  3. Purtroppo il senso dell’ordine e della pulizia sia concreta che “per gli occhi” non si impara e o ce l’hai o non lo acquisisci.
    La soluzione sono solo regolamentazioni comunali e poi però una vigilanza costante e sanzioni.
    Purtroppo è solo così che si costruisce una società di qualità, fuori da qualsiasi mia intenzione polemica. Ne abbiamo prove provate e potrei argomentare per ore, è un dato di fatto. Al semaforo rosso molti passerebbero oltre, se non fosse sanzionato, gli scarichi abusivi di detriti sarebbero a ogni angolo se non fosse illegale… etc.
    Regolamentazioni, controlli, sanzioni. Solo così si alza la qualità del territorio e anche della vita di tutti, perché sul lungo termine poi i benefici sono allargati.
    Sperare in un “senso di civiltà” è inutile, perché non è umano. A parte i menefreghisti totali – ci sono anche quelli, eccome – ho avuto esperienza del fatto che molti che causano questi obbrobri proprio non si rendono conto del problema. Quindi l’intervento deve arrivare dall’alto e appunto essere impositivo e sanzionatorio.
    Ripeto: senza vena polemica e solo per constatazione pratica.

  4. A proposito di scempi nel Comune di Sauze di Cesana, che pure include degli autentici gioiellini come il Borgo di Bessen Alto o di Rollieres, ecco per esempio Rollieres, lo vedi dalla strada provinciale un gruppo di baite deliziose con sullo sfondo maestoso lo Chaberton, sembra veramente una cartolina…peccato che in primo piano ti balzino all’occhio altrettanto maestosi la fila multicolore di cassonetti della spazzatura…ora io dico, ma se costa troppo farli fare col rivestimento in legno come hanno fatto a Sestriere, con pochi soldi si potrebbero fare dei ripari in legno , anche solo una staccionata per mascherarli minimamente…anche questo contribuirebbe al decoro…

  5. Sono pienamente in accordo al mio vicino villeggiante , che mi ha mandato i vigili a casa. Motivo? Il gallo del mio pollaio( tenuto a debita distanza dall’abitato ) al mattino cantava troppo presto. Sull’orto concimavo col letame, e quando prendeva le patate e i cavoli, sosteneva che fossero abbandonati, perché l’orto non era recintato. Ma; se avete tanta puzza al naso : perchè non ve ne state a casa? Ah; anche le campane gli davano fastidio, e ha rimbrottato il parroco affinchè la piantasse di farle risuonare.

  6. Dalle foto più che orti sembrano depositi di materiale edile. In una foto poi si vedono delle villette a schiera che sembrano di recente costruzione e magari hanno preso il posto degli orti, chissa ?
    Per il resto il villeggiante sfugge dalla città che lo opprime per poi diventare insofferente verso quello che trova sul luogo di villeggiatura mettendo in atto quei comportamenti che in città mal sopporta.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.