FOTO / INCIDENTE IN VALSUSA, PARLA UNA TESTIMONE: “L’AUTOSTRADA ERA UNA LASTRA DI GHIACCIO, C’ERANO FERITI E UN INFERNO DI MACERIE”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

 di FABIO TANZILLI

CHIOMONTE – ValsusaOggi ha ricevuto la testimonianza di una donna che era in una delle vetture coinvolte nell’incidente avvenuto oggi pomeriggio in discesa, all’altezza del viadotto Ramats. La ragazza per fortuna sta bene e non è rimasta ferita.

Ecco la testimonianza della donna: “La mia auto ha sbandato per decine di metri sul manto stradale innevato e ghiacciato, fermandosi a pochi centimentri da un inferno di macerie di tir e auto…ho visto una donna gravemente ferita e un uomo incastrato nell’abitacolo del suo tir. E poi una donna con il pacemaker sotto shock e un altro camionista con il polso rotto. I soccorsi non riuscivano a passare lì in mezzo e con l’aiuto di tutti la barella è passata sopra la carcassa di una macchina. Grazie ai soccorritori delle ambulanze, ai poliziotti e ai vigili del fuoco che hanno dimostrato competenza e gentilezza dinnanzi ad un incidente che si poteva, anzi, doveva essere evitato perché la nevicata di oggi era annunciata da giorni. Eppure la strada era una lastra ghiacciata. Grazie a Marco, un ragazzo che come me ha sfiorato il disastro e che è stato un supporto per molti. Grazie alla solidarietà dei camionisti che hanno dato le loro coperte ai feriti. Grazie agli onesti contribuenti, che pagano onestamente la Sitaf, ma che purtroppo non hanno la certezza di tornare a casa incolumi”.

Una delle critiche sollevate riguarda la posa del sale e della sabbia antigelo sulle corsie: “Poteva essere una carneficina” spiega il compagno della ragazza coinvolta nell’incidente “mi è stato riferito che l’autostrada non aveva né sale e né sabbia”.

La replica della Sitaf: “Noi il trattamento anti-gelo l’abbiamo effettuato, tutta l’autostrada è stata salata dalla notte precedente – spiega il direttore dell’autostrada, Gianluigi Fuser – la nevicata era prevista e ci siamo comportati come sempre. Questa mattina abbiamo effettuato un ulteriore giro gettando il sale. A volte riceviamo critiche proprio perché ne mettiamo troppo. Se ci sono stati problemi di questo genere sicuramente la polizia li segnalerà. La salatura è avvenuta tutta la notte, anche questa mattina in attesa della nevicata prevista. Il problema è che quel tratto di strada è da sempre molto “critico” per la viabilità in caso di maltempo. Il viadotto è in curva e in alta quota”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

19 COMMENTI

  1. Vergognatevi,con quello che costano i pedaggi della tratta A32,non siete in grado di gestire una situazione del genere,tra l’altro annunciata da giorni.Ma quale sale,forse quello che mettete nella pasta.Nel 2017 per un po’ di freddo e una lieve nevicata ci troviamo tutti bloccati,speculate sulle disgrazie…Spero che nessuno si sia fatto male seriamente…Andrea camionista..

  2. Incompetenti a gestire una situazione annucciata peraltro da giorni…. , alle ore 14:15 entrando dalla circonvallazione di Oulx direzione Torino nesssuna segnalazione di incidente con annessa uscita obbligatoria, vergognatevi a 360 gradi.
    In questi casi bisognerebbe capire di chi e’ la responsabilita’ dell’accaduto e rimuovere certi dirigenti che sono tali solamente a fine mese quando prendono la loro busta paga. Solidarieta’ ai malcapitati in quel momento.

  3. Puo’ essere che non abbiano pulito e non sarebbe la prima volta, in piu’ aggiunciamoci quanti guidano senza pensare, all’uscita delle galerie normalmente se nevica bisognerebbe rallentare prima e non dopo che si è usciti .

  4. Comunque anche i tir possono andare piu’ piano almeno quando nevica!
    La sitaf e’ come tutto il sistema italiano dunque uno schifo ma i tir andrebbero almeno rallentati.
    La nostra valle e rimasta l’unico posto del Piemonte dove passano migliaia di tir al giorno le vallate francesi dietro di noi li hanno fermati tutti e anche quando non nevica sono un bel pericolo (strada del Monginevro) per la velocita’troppo elevata.
    Quando ci scappa il morto qualcuno se ne rendera’ conto!

  5. Vergognoso!! Oltre la mancanza più o meno accertata della salatura, non c’era nessun addetto al traffico a gestire il dirottamento di decine di tir sulla statale: conseguenza, traffico impazzito e bloccato ad Oulx in ogni direzione:un’ora e mezza per poter imboccare lo svincolo in direzione nord!!!dove era la sitaf? Davanti al caminetto?

  6. Non sono un difensore della Sitaf, ma certa gente non dovrebbe guidare!
    vorrei sapere quante delle vetture coinvolte avevano le gomme termiche
    e la ragazza che scrive, forse se avesse mantenuto una velocità più consona, non avrebbe sbandato per decine di metri.
    siamo in montagna, può nevicare e non si può pensare di poter viaggiare sempre come se fosse metà agosto

  7. La gente non sa guidare, punto e basta. Se fa freddo e nevica è ovvio che le strade siano gelate, cacchio vi lamentate. Se andate in montagna è inutile avere gomme estive e catene a bordo, con 2-3 cm di neve le catene non le monti ed automaticamente diventi un pericolo. Poi ci si mettono sti cacchio di tir che salgono come pazzi e si sorpassano tra di loro. I pneumatici chiodati sono ancora più pericolosi e poi mica viviamo in Lapponia.

    • Stesso incidente è successo nel 2003 4 camion coinvolti e tre auto nello stesso punto l
      La colpa non era dovuta agli automobilisti e camionisti, ma sempre il solito motivo additivo anziché sale . (Volevo ricordare che l’addittivo se la temperatura si alza diventa saponetta )

      • cioè, per giustificare la sua teoria la cosa più vicina è un incidente avvenuto 14 anni fa? mah!?!?!?!
        forse, se ci si ricordasse la buona norma di adeguare la propria velocità alle condizioni della strada e del traffico sarebbe meglio per tutti

        • NON È QUESTIONE DI VELOCITÀ, MA SEMPRE DOVUTO AI PRO DOTTI CHE LA SITAF USA SULLA STRADA . USASSE IL SALE NON SUCCEDEREBBE….

          • beh, certo…..c’è la neve, sta nevicando……mi incastro sotto dei camion fermi, e la colpa è della sitfaf
            non mia che non ho rallentato prima!
            complimenti!

        • Sì infatti i signori della macchina blu sotto il tir, montava gomme slick ed erano in bermuda. Ma la smetta di giustificare l’ autostrada che è l unica con più del 60% di galleria ed è la più sporca con la neve . Non sono in grado neanche di tenere le due corsie pulite . Dovrebbe essere uno specchio di pulizia , anziché uno specchio per il ghiaccio.

          • Alle 14 transitato a Borgone di susa la sitalfa non che siate ben visibile dell’autostrada i signori montavano le lame e speciale ALLE 14…. vergognosi e dire poco…. questa è la parola giusta… andate alle 12 allautoporto di susa… e lo vedete tutti dal primo all’ultimo… li si che si attivano con le gambe sotto il tavolo…

          • io non giustifico la SITAF e l’ho già scritto!
            dico solo che la regola base, se uno si schianta contro qualcosa che è fermo, evidentemente non ha valutato correttamente la situazione; poi potranno esserci delle attenuanti, ma voler dare a tutti i costi la colpa alla sitaf è ridicolo.
            Lei è certo che le gomme fossero antineve e con battistrada a norma? beato lei che lo desume dalla foto. In quanto all’abbigliamento del passeggeri, lo ritengo irrilevante

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.