FOTO / CESANA, RECUPERATI 4 MIGRANTI DISPERSI NELLA ZONA DELLO CHABERTON

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

CESANA –  Varie squadre di vigili del fuoco, soccorso alpino, guardia di finanza, carabinieri e 118 sono stati impegnati giovedì 25 ottobre a Cesana per recuperare 4 migranti che stavano cercando di andare in Francia passando dalla cima di Cresta Nera ai 2268 metri, sopra Fenils e sotto il colle dello Chaberton. Non erano feriti, ma dispersi: non trovando più il sentiero hanno chiamato i soccorsi. Sono intervenuti  l’elicottero “Drago” dei vigili del fuoco con le squadre da terra dei volontari di Oulx, Sauze d’Oulx, Salbertrand e dei permanenti di Susa; le squadre del soccorso alpino di Beaulard e Cesana, i militari della guardia di finanza di Bardonecchia, i carabinieri di Cesana e l’ambulanza 118. I migranti probabilmente volevano superare il confine salendo dallo Chaberton, ma con il buio la situazione è diventata complicata. L’elicottero dei vigili del fuoco li ha  verricellati e portati al sicuro nel piazzale di Cesana.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

21 COMMENTI

  1. Chi e’ che gli indica questi passaggi d’alta montagna? …sicuramente non un loro paesano
    Costo dell’ operazione +o – quei 50000 euro: tanto lo stato ne ha da buttare

  2. Perché tutte queste brave persone delle organizzazioni che aiutano ed informano i migranti sui sentieri da percorrere non pagano anche le spese dei soccorsi per andare a recuperarli?
    Se venisse loro spiegato di non avventurarsi in montagna invece di indicare itinerari difficili…..

    • Siccome organizzazioni serie come Rainbow for Africa cercano di dissuadere i migranti ad attraversare e li informano dei loro diritti e doveri, bisognerebbe parlare a ragion veduta e non per stereotipi da razzista ignorante.
      E poi con sta storia dei costi che sosteniamo per salvarli, e tutti col cellulare nuovo, e i 35,00 euro: avete rotto! Sono bugie certificate quelle che propinate per verità dogmatiche: informatevi! Ma non al bar.
      Sono curioso di vedere quanti risponderanno se ho dei migranti a casa mia tanto per completare la galleria di stupidaggini.

    • Mi piacerebbe avere una controparte seria, non da bar dello sport (che per le partire va bene ma qui stiamo parlando di altro). La propaganda di bassa cucina che fate basata su due impressioni e dopo aver visto un nero ben vestito (nel cliché razzista deve essere brutto, sporco e stracciato) è chiara: io italiano che paga le tasse, che paga il treno, che non butta le cicche in terra e che fatica a trovare un lavoro non voglio mantenere sti figli di papà con la pelle scura firmati e profumati che attraversano i sentieri mettendo se stessi e altri in pericolo. Controllate cosa fanno le organizzazioni serie (ce ne sono caro “Puppa” basterebbe informarsi tra una battuta sguaiata e l’altra) e se sarete in grado di provare il contrario sarò felice di ricredermi, se no chiedete scusa (e fino a prova contraria lo dovreste fare) e smettetela con questi giudizi da festival dell’arroganza e ignoranza. Il problema dell’immigrazione è così ampio e variegato che richiede uno sforzo per comprenderlo non indifferente, io non so tutto ma mi documento costantemente; liquidare cose importanti a battute dà la misura del cervello di chi le fa. Scusate la prolissità (peraltro non esaustiva) chiudo e non risponderò più a queste sciocche provocazioni.

  3. Non pensate che io sia razzista o cosa… Ma per 4 imbecilli(perché solo un imbecille può perdere il sentiero e pensare di poter valicare il confine francese dopo tutti i francesi in mimetica che non aspettano altro) che cercano di andarsene da casa nostra fanno intervenire tutti sti soccorsi?! E come direbbe totò eèio pago! Perché tanto quest’ intervento sarà costato due lire alle forze dell’ordine….ho perso le parole…

  4. Il gallo quelli che vedo io e che prendono il treno da salbertrand sono tutti vestiti bene, con auricolari nelle orecchie e relativo smartphone, zaini nuovi, ecc, basta avere gli occhi per guardare.
    Così come quelli che vagano per strada nel tentativo di andare in Francia sono tutto tranne che sciupati o affamati; certo c’è chi è triste, chi preoccupato, chi infreddolito.
    Ma cosa c’entra il razzismo con tutto questo?
    Mi piacerebbe sapere se nei loro paesi il trattamento riservato a noi sarebbe lo stesso ricevuto da loro, sia nei casi di emergenza come quello dell’articolo sia nell’accoglienza all’arrivo.

  5. Caro Puppa che i soccorsi abbiano dei costi molto alti è anche indubbiamente vero, e li paghiamo sempre noi.
    Diritto di prendere l’autobus senza biglietto, il treno senza biglietto, magari anche seduti stravaccati come vedo spesso…almeno stessero in piedi!

  6. Bravi. Non lasciamoceli sfuggire. Non regaliamoli ai francesi. Sono risorse importanti. Quelle che ci pagheranno le pensioni e che ci insegneranno nuovi costumi e nuova cultura!

  7. Non discutere con un pollo ; ti abbassa al suo livello e ti batte con la sua esperienza.Che serità ha un guardapolli ?

  8. La povera gente è quella a cui da fastidio che recuperiamo i migranti e che si salvino delle vite.
    Diamo a loro i 35 euro,perché hanno seriamente bisogno di cure…che si facciano vedere prima di scrivere altre idiozie su chi paga etc etc…
    Siamo disponibili a fare colletta però che serva a farvi furbi..

    • Se hanno bisogno di cure ci sono gli ospedali… io ho seri problemi di salute dopo essere stato investito mentre andavo a lavorare in bici e i 35
      Euro non me li fanno certo

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.