FOTO / SPENTO L’INCENDIO NELL’EX FONDERIA DI ROSTA: “SIAMO RIMASTI BLOCCATI PER TRE ORE”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di FABRIZIO PASQUINO

ROSTA – Ci sono volute quasi tre ore per spegnere il vasto incendio scoppiato alle 16 di oggi all’interno dell’ex fonderia di via Sant’Antonio di Ranverso, sul territorio rostese, a due passi dalla stazione e dalla Precettoria di Ranverso.

La colonna densa di fumo nera era visibile da Rosta, Buttigliera e Caselette e notata anche dalle numerose persone che oggi erano in coda davanti alla vicina precettoria di Sant’Antonio di Ranverso in attesa di visitare la chiesa aperta grazie alle giornate di primavera Fai.
Sbloccata anche via Sant’Antonio di Ranverso, la strada che porta alla trattoria “Stazione di Rosta”, all’ex fonderia e alle abitazioni della zona, isolate per qualche ora e in attesa che i vigili del fuoco, intervenuti con diverse autobotti, domassero le alte fiamme.
Per fortuna l’incendio è scoppiato in un’area abbastanza isolata. A rischio una palazzina a poche decine di metri dall’ingresso della fonderia e più distanti la stazione, altre piccole abitazioni e la storica trattoria “Stazione di Rosta”. Tutti sono stati costretti, però, a chiudere finestre e balconi per evitare di respirare l’aria acre scaturita dal denso funo nero.
Il proprietario della Trattoria “Stazione di Rosta” spiega: “Siamo stati bloccati qui dalle 16, perché l’incendio era vasto e pericoloso. Abbiamo visto subito il fumo nero e siamo corsi fuori dalla trattoria per vedere da dove provenisse e abbiamo capito che veniva dall’ex fonderia. La Polizia locale, la protezione civile e i vigili del fuoco hanno bloccato giustamente l’unica strada che collega le abitazioni e la trattoria a Rosta e Ferriera. Per fortuna ora tutto è rientrato”.
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.