FUNGHI E UNIONI MONTANE, L’ATTACCO DI DANIELA RUFFINO: “CHI COPRE I COSTI DEL PERSONALE?”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

  
E’ estremamente curioso come attraverso un ingarbugliato iter sull’eliminazione della marca da bollo dal certificato di raccolta dei funghi – provvedimento che ho richiesto e che ho ottenuto con un emendamento – la maggioranza regionale si sia incagliata. Non solo non ha risolto il problema, ma anzi ha complicato la situazione “.

A sostenerlo Daniela Ruffino, vicepresidente del Consiglio regionale in Regione Piemonte.
 “Il consigliere del centrosinistra Monaco ha rilasciato molte dichiarazioni in merito in questi giorni. Farebbe meglio a rispondere ad una domanda: perchè le unioni montane non decollano?

Ho una memoria storica sui vari passaggi che hanno portato a questo prevedibile ritardo che ha portato come conseguenza anche la mancata riduzione dei costi per il certificato di raccolta dei funghi”.

La consigliera in particolare pone alcune domande al centrosinistra: “Il costo del personale delle Unioni verrà interamente coperto dalla regione? Qualcuno è in grado di dare certezze sui costi di funzionamento? – Un punto interrogativo non da poco -. Altro tema importante le volture degli immobili, occorrerà farle? A chi è intestata Villa Favorita piuttosto che Villa Ferro o la sede Oulx? Verranno fatti dei trasferimenti ad hoc dalla Regione per risolvere questo problema ed eventualmente velocizzare l’iter? ”

 Ruffino continua: “Da tempo chiedo attraverso mozioni ed emendamenti che gli introiti della raccolta funghi vadano alle unioni dei comuni. Potrebbe essere un ottimo strumento per interventi di manutenzione ordinaria dei boschi, ma la maggioranza, di cui fa parte il consigliere Monaco, non ha accolto la mia richiesta che è’ di assoluto buonsenso. Ora è incredibile che sui media si faccia finta di niente, rimpallando responsabilita’.

L’unico dato effetivo è che c’è una legge fatta dalla maggioranza di cui fa parte il Consigliere di Scelta Civica, che sta creando un danno ai raccoglitori di funghi nonostante i correttivi che avevo proposto. Quindi è ora che il centrosinistra si assuma la responsabilità e risolva i problemi”.

 “Infine – conclude Ruffino – lancio un appello affinchè la Giunta Chiamparino prenda in esame la situazione di stallo che vivono le Unioni di Comuini: se si ritiene di farle decollare occorre investire molto di più di quanto si era previsto in origine. Ma questo non basta, c’è il problema che stanno vivendo i servizi socio assistenziali: qualcuno forse si è dimenticato che probabilmente dal 1′ gennaio verranno accorpati e che la Valsangone confluira’ con la Valsusa , generando nuove modifiche alle Unioni dei Comuni di riferimento. Anche su questo punto è necessario un intervento rapido e risolutivo”.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.