FURTI IN VALSUSA: I LADRI ACROBATI SI ARRAMPICANO AL TERZO PIANO E DERUBANO UN’ABITAZIONE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

ROSTA – All’alba di domenica 19 giugno i ladri hanno di nuovo colpito a Rosta. Questa volta sono entrati in un’abitazione in via Piave 60. “Non so come abbiano fatto – spiega sui social la ragazza che ha subito l’intrusione dei ladri – non so se ci hanno addormentato, anche perché ho un cane e non ha neanche abbaiato”. La porta di ingresso dell’abitazione era intatta: i ladri si sono introdotti dalla finestra, arrampicandosi fino al terzo piano.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

13 COMMENTI

  1. Ringrazi perchè che non hanno danneggiato la casa e se ne sono andati senza farle del male
    e ancora di più che non si è svegliata e non ha reagito facendo loro del male,
    che se no ora l’avrebbero denunciata,
    e lei finirebbe col dover pagare ai ladri un indennizzo per aggressione sul lavoro

    • Concordo sul dire meno male che questi personaggi non hanno fatto nulla di male alla ragazza e alla sua famiglia e al cane… non concordo sul suo nome, orribile, già che c’è potrebbe recarsi in Cina al festival di Yulin visto il suo amore per gli animali… il cane è la creatura più fedele e vicina ai nostri sentimenti al di fuori della nostra specie… si vede che lei non ne ha mai avuto uno… la mia ha 15 anni e già soffro per quando non ci sarà più, un’anima pura, che ha sofferto moltissimo proprio come me quando un familiare stretto è venuto a mancare, che mi ha asciugato le lacrime con i suoi bacetti, a qualcuno potrà anche fare schifo, ma un cagnolino non ha le mani e la lingua e le zampe sono il mezzo per rapportarsi con noi, e oggi vederla ricominciare a giocare, a scodinzolare, a voler attrarre la mia attenzione per distrarmi dalle cose più brutte della vita, davvero mi tocca il cuore. Il tutto senza contare che dove vivevo prima, avevo un vicino di fronte con 4 cagnolini che ogni tanto abbaiavano allegramente sul balcone, ma non mi sono mai infastidita, erano molto più fastidiosi i vicini di pianerottolo che fortunatamente sono rimasti solo un anno: porte sbattute regolarmente, bambini molto maleducati che urlavano giorno e notte, un bimbo piccolo affumicato dal fumo dei genitori e di conseguenza respirava male, pieno di catarro, piangeva nottate intere e loro non si degnavano di prenderlo in braccio, urla e bisticci con parenti o amici che venivano a casa loro, l’ascensore puntualmente pieno di fumo che entrava anche in casa mia se aprivo le finestre, rifiuti per terra perchè venivano mandati i bambini a portarli nei cassonetti ma nessuno si accertava che i sacchi non perdessero liquami… insomma, un anno da incubo, per cui ho preferito di gran lunga gli altri 18 anni con il vicino di fronte con 4 cagnolini simpatici ed educati che ogni tanto abbaiano perchè è il loro modo di comunicare. Non dico che i cani debbano essere lasciati ad abbaiare ad oltranza, ma impedire sempre ad un cane di abbaiare addirittura tagliando loro le corde vocali come fanno negli USA, è crudele, esattamente come tagliarle ad un essere umano e impedirgli di parlare.

  2. Ci vogliono più controlli nelle strade ovunque non ci sono storie, più presenza di polizia e carabinieri per disincentivare questi balordi, controlli posti di blocco ecc ecc .
    E se si fosse accorta come andava a finire?

    PIU’ CONTROLLI E PRESENZA CI VOGLIO in tutta la Val Susa paesini compresi lungo le statali.
    In particolare dove ci vivono anziani.

    * Attenzione ai venditori porta a porta, alcune situazioni sono molto strane, chiedono di fare dei controlli ai contatori ma chi sono questi personaggi che girano indisturbati e si presentano ogni 15 giorni?

    Ci VOGLIONO PIU’ CONTROLLI PER I PAESI E PIU PRESENZA.

Rispondi a Gabriele 2 Annulla risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.