GIAGLIONE, LA PROPOSTA ALL’ANAS: “RECUPERATE LA CASA CANTONIERA SULLA STRADA PER IL MONCENISIO”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image

di MONICA GAGLIARDI, ENRICO POZZATO, ROBERTO RONSIL (CONSIGLIERI DI MINORANZA DEL COMUNE DI GIAGLIONE)

ALL’ANAS

GIAGLIONE – Il nostro gruppo consigliare ha recentemente appreso da un articolo pubblicato in Internet e dal Vostro sito web del progetto di riqualificazione delle Case Cantoniere con lo scopo di creare valore sul territorio nel campo del turismo, della cultura e con l’obiettivo di sviluppare opportunità occupazionali – imprenditoriali rivolte in particolare ai giovani.

Come privati cittadini e soprattutto come Consiglieri comunali la notizia di questa iniziativa da parte di ANAS ci ha piacevolmente colpiti e ci trova assolutamente favorevoli in quanto riteniamo che simili immobili, presenti anche sul territorio del Comune di cui siamo Consiglieri, abbiano una storia da raccontare e non possano essere abbandonati al degrado, all’incuria o al vandalismo.

image

Avendo noi letto del progetto pilota di ANAS, con la presente lettera ci permettiamo di portare alla Vostra attenzione un caso a noi caro in quanto localizzato lungo la strada statale n.25 del Moncenisio e nel territorio del Comune di Giaglione (Torino). La Casa Cantoniera si trova al km 58 + 302 e versa in notevole stato di degrado dovuto anche alla presenza di un vicino deposito abusivo di rifiuti a tutt’oggi attivo.

Le ragioni per cui tale immobile è ritenuto da noi degno di particolare attenzione, oltre al fatto di trovarsi nel nostro Comune, sta a nostro giudizio nella sua particolare vocazione turistico – culturale: la strada lungo cui si trova è stata voluta ad inizio Ottocento da Napoleone e nei suoi pressi sorge ancora un tratto ben conservato di galleria della ferrovia Fell che tra il 1867 e il 1871 ha collegato Torino alla Francia attraverso Susa e il Moncenisio.

La sua vicinanza a Susa, dove si incontrano le due principali strade di collegamento tra Italia e Francia attraverso i passi del Moncenisio e del Monginevro, la sua posizione all’ingresso della Val Susa in un luogo da cui è possibile osservare la valle da Susa fino a Torino fanno sì che la promozione del territorio attuata attraverso di essa potrebbe portare notevole beneficio ad attività artigianali e commerciali e alle strutture turistiche, sportive ecc. che di lì risultano raggiungibili in breve tempo.

La rivalutazione della Casa Cantoniera in oggetto porterebbe infine un significativo contributo alla riqualificazione e rivalorizzazione di un Comune come il nostro che, come altri Comuni montani, si trova spesso in deficit di risorse e a rischio abbandono.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

  1. Bella iniziativa.
    Evidenzio però che i consiglieri comunali segnalano che sussiste “degrado dovuto anche alla presenza di un vicino deposito abusivo di rifiuti a tutt’oggi attivo.”.
    È loro preciso dovere attivarsi affinché cessi l’attività abusiva, agendo politicamente e presso il Comando di PM e delle altre forze dell’ordine competenti.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.