GIAVENO, GLI ALUNNI DELLA GONIN IN REGIONE PRESENTANO IL VIDEO “INNO ALLA GIOIA”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

 

GIAVENO – “L’Inno alla gioia” è il titolo e la colonna sonora del video realizzato dalla scuola primaria Sandro Pertini dell’istituto comprensivo Gonin di Giaveno. Il filmato, frutto del lavoro compiuto durante l’anno scolastico è stato presentato questa mattina, a cura della Consulta regionale europea, nel corso di un conferenza stampa a Palazzo Lascaris.

“Il significato di fondo dell’Europa, tra criticità e opportunità – ha detto la vicepresidente dell’Assemblea regionale delegata alla Consulta Europea, Daniela Ruffino, presente all’incontro – resta sempre quello di unire realmente i Paesi europei per realizzare politiche e progetti comuni, per valorizzare l’economia, i diritti e gli scambi culturali e commerciali. Non sempre il percorso per il conseguimento di una effettiva unione politica e di intenti è semplice. Ma l’obiettivo della realizzazione dell’Unione Europea deve essere il nostro, dai singoli cittadini, alle comunità locali, alle istituzioni. Questo per costruire un futuro di benessere e lavoro per voi giovani”.

Alla presentazione hanno preso parte le bambine e i bambini della classe 5a, accompagnati dall’insegnante Daniela Caira, che hanno riassunto nel video di circa due minuti le informazioni più significative del programma di studio di Geografia, con particolare riferimento alle tematiche europee.

Il filmato della scuola di Giaveno, connotato dalla melodia tratta dalla Nona sinfonia di Beethoven, che mise in musica il testo scritto da Schiller, oggi riconosciuto comunemente quale inno europeo, è visibile sulla social tv del Consiglio regionale ed è pubblicato su You Crp, canale Youtube dell’Assemblea.

(Fonte: Ufficio Stampa Daniela Ruffino)

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.