“GIAVENO DIVENTERÀ LA CAPITALE DEI SUPERMERCATI” / LA RUFFINO ATTACCA IL SINDACO GIACONE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di DANIELA RUFFINO (Consigliere di opposizione a Giaveno)

Nei miei 10 anni da sindaco di Giaveno ho avuto la consapevolezza che attraverso il voto dei miei concittadini, l’ultima volta oltre il 71%, mi è’ stato affidato un comune con infinite risorse, cittadini, territorio, attivita’ lavorative. Bellezze naturali, un turismo che ha determinato crescita attraverso eventi che hanno promosso il territorio:

Latte

Agricoltura, quindi Produzioni tipiche di eccellenza.

Posti di lavori in una sana economia locale, negozi di prossimità, la creazione attraverso un dettagliato progetto di un centro commerciale a cielo aperto. Progetto che ha ottenuto finanziamenti ingenti attraverso il Piano di qualificazione urbana che hanno permesso l’abbattimento della strettoia e altri interventi ai vari ingressi di Giaveno.

Un centro commerciale aperto Composto dai negozi di prossimità che da anni danno lavoro a famiglie e non solo.

Ho sempre voluto tutelare queste risorse, ho costruito progetti per fare in modo che Giaveno fosse un luogo in cui vivere, investire, con sevizi di qualità, un luogo in cui far crescere i proprii figli.
Questo è’ stato il mandato che mi hanno dato i miei concittadini.

Con coerenza oggi non sosterro’ uno dei primi progetti che vengono presentati, sottobanco, il 5 agosto alle ore 15.00 in Consiglio Comunale, e che faranno di Giaveno la capitale “DEI SUPERMERCATI”.

E parlo del primo blocco su cui consiglio comunale che si deve esprimere su una delibera proposta dalla Giunta comunale su cui si approva il cambio di destinazione d’uso della ex cartiera Reguzzoni, da produttivo a commerciale.

8.000 metri quadri di attività commerciale, una al dettaglio alimentare e non e tre di vendita all’ingrosso.

Ma non è’ sufficiente perché, ricordo a tutti che la maggioranza a guida Giacone ha approvato una modifica al piano regolatore commerciale con nuovi insediamenti in via Torino, due aree e una area nella parte alta del centro storico.

Altri 7.5oo metri quadri di superficie di vendita.

Ed allora cambiano i connotati di Giaveno che agli ingressi vedranno sorgere strutture che nulla hanno a che fare con gli attuali ingressi che caratterizzano le nostre vie.

Nessun confronto.

 Un orario di convocazione improponibile, VENERDÌ 5 AGOSTO alle ore 15.00, orario assolutamente accessibile ai commercianti.

Per coerenza non voterò una perdita di posti di lavoro, non voterò a favore di una finta riqualificazione del centro storico, che avrà come risultato finale lo spostamento del mercato del sabato.

Le amministrazioni stanno cercando di “ANDARE OLTRE I SUPERMERCATI”, che non creano posti di lavoro e spersonalizzano i territori.

Per qualche soldo derivante dagli oneri di urbanizzazione oggi Giaveno percorre il primo step verso il suo declino.

E il DECLINO DEL LUOGO DOVE SONO NATA E CRESCIUTA NON AVRÀ MAI IL MIO ASSENSO.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

5 COMMENTI

  1. Il centro commerciale ci darà la possibilità di lavorare qui senza più 130km al giorno ,.sono sempre i soliti s lavorare a giaveno io e anni che cerco lavoro nel mio comune ….le montagne resteranno le nostre ma abbiamo bisogno di un futuro!

  2. Penso che Giaveno abbia bisogno di un supermercato tipo discount, fare la spesa qui è un salasso!!! Comunque la gente va lo stesso a fare la spesa fuori comune, negli ipermercati e discount vari… non siamo mica tutti ricchi….

  3. I tempi cambiano per tutti e tutto….Giaveno sara sempre circondata dalle sue montagne…..anche se per salvaguardarla non si sarebbero dovuti dare permessi di costruzione case ovunque distruggendo prati e campi……per cui il supermercato Nova Coop che utilizzerà una parte della ex Cartiera ben venga… non devasta nulla ma abbellisce un po….anzichè avere ruderi industriali. Inoltre avvicinarsi ai negozi di Giaveno è come andare volutamente a farsi rapinare ma questo da sempre….la spesa vado a farla fuori paese e nemmeno nei supermarcati esistenti…che come ben tutti sanno sono molto cari. Poi ognuno di noi è libero di esprimere “educatamente” la proprio opinione. Cordialmente!

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.