GIAVENO, DOPO 56 ANNI CHIUDE LA STORICA PASTICCERIA “FRANCO”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dall’UFFICIO STAMPA CITTÀ DI GIAVENO

GIAVENO – Una vita dedicata alla pasticceria, a preparare ed inventare dolci di qualità, premiati e apprezzati dal pubblico. Una storia famigliare e personale ricca e di successo quella dei Bernardo e di Aldo, della famosa pasticceria Franco di Giaveno.

Eccellenza della valle e del territorio piemontese che lo scorso ottobre ha chiuso e che l’amministrazione comunale di Giaveno ha voluto riconoscere con l’attribuzione di una targa consegnata dal sindaco Carlo Giacone e dagli assessori Vincenza Calvo, Marilena Barone ed Ermanno Neirotti ad Aldo Bernardo, presenti la moglie Lucia e il figlio Francesco.

La storia della pasticceria Franco nasce con il papà Francesco, di origini siciliane, nato nel 1922 e mancato nel 2015. Dal 1938, a Torino, imparò dai pasticceri più famosi dell’epoca, fino ad essere assunto, nel 1953, dal pasticciere Mario Anselmo di Giaveno, e qui si trasferisce. Dal matrimonio nascono tre figli: Aldo, che porterà avanti con continuità la sua attività, Laura e Fausto.

Nel 1961 apre la sua personale attività, con la moglie Antonietta, in piazza Molines: al suo fianco c’è già il figlio Aldo, classe 1947, che inizia a sfornare dolci e pasticcini amatissimi sin da allora.

L’avventura della rinomata pasticceria dura 56 anni: sono Aldo e la moglie Lucia a portare avanti l’attività, coadiuvati dal 2004 dal figlio Francesco con l’apertura dell’annesso bar, fino alla chiusura definitiva nell’ottobre del 2017.

Molti i premi e i riconoscimenti all’attività di Aldo Bernardo. Fra questi l’Eccellenza Artigiana Alimentare assegnata dalla Regione Piemonte alla pasticceria fresca e secca e al gelato, nel caso della pasticceria Franco per la torta giavenese e la focaccia medioevale e il gelato artigianale.

Della sua apprezzata pasticceria che ha accompagnato le feste e i momenti lieti dei giavenesi, valsangonesi e tantissimi altri, vanno menzionati anche i panettoni, le colombe e le uova di cioccolato decorate, ed ancora fra le specialità legate al territorio, i giavenesi al rhum e le “Delizie di Madama Reale”.

Nel tracciare il percorso professionale di Aldo Bernardo e della Giaveno da lui conosciuta e vissuta nella sua lunga carriera, racconto fatto dallo stesso Bernardo con commozione e sorrisi, l’amministrazione ha evidenziato anche i molti altri impegni assunti e portati avanti per la comunità da Aldo. A lui si deve la presenza e l’attività dell’Ascom a Giaveno per oltre vent’anni, il suo impegno a fianco delle amministrazioni per la promozione del turismo e delle manifestazioni, la guida per un periodo dell’associazione Boulajour e le molte iniziative intraprese per valorizzare la città e le sue bellezze.

Sulla targa consegnata si legge: “A conclusione dell’attività di Maestro Pasticciere, arte già del padre Francesco e affermata in una lunga “dolce” carriera con grandi apprezzamenti e riconoscimenti, come l’Eccellenza Artigiana della Regione Piemonte, i nostri complimenti e la nostra stima per il lavoro svolto, espresso con passione e dedizione insieme alla moglie Lucia, per una storia che ha lasciato il segno nella comunità giavenese. Con gratitudine”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.