GIAVENO E I PROBLEMI DEL CENTRO STORICO / IL COMUNE: “NOI FACCIAMO GLI EVENTI, MA I NEGOZI STANNO CHIUSI”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image

di LUCA CALCAGNO

GIAVENO – È ancora il centro storico il tema di maggior divisione all’interno del Consiglio Comunale, anche quello di venerdì 27 maggio. C’è scetticismo da parte di Alessandro Cappuccio (CambiAmo Giaveno) e Stefano Tizzani (Per Giaveno) sul modo dell’Amministrazione di tenere a galla il centro storico in momenti di crisi economica.
Infatti, per Cappuccio “occorre essere o essere stati commercianti per fare delle politiche nel senso del commercio” e pertanto non ritiene sufficienti “degli eventi, magari domenicali. Serve qualcosa che ponga freno alla tendenza dei consumi a diminuire e all’aumentare delle chiusure”. Propone dunque che il Comune si faccia carico del totale delle spese per i nuovi negozi che apriranno nel centro e in diverse percentuali per le attività limitrofe al centro storico e già aperte. La proposta viene rigettata.
“Il grosso è la tassa sui rifiuti che non può essere eliminata, la si può soltanto ridurre per alcuni e di conseguenza alzare per altri – osserva l’Assessore al Commercio Marilena Barone – Non si può fare”. Causa delle difficoltà sono da rintracciare per Barone “nei rapporti fra privati, per esempio per quanto riguarda i prezzi degli affitti” e “nel carico fiscale e burocratico che arriva da Roma”. Dello stesso avviso il Sindaco Carlo Giacone: “È una questione più ampia della dimensione comunale, è eccessivo responsabilizzare l’Amministrazione”.
Una proposta arriva dall’Assessore all’Urbanistica Ermanno Neirotti che in vece di Barone impossibilitata ha incontrato nei giorni scorsi i rappresentanti dell’associazione dei commercianti Unarco. “L’Amministrazione può lavorare con le associazione di categoria nella revisione dei regolamenti legati al commercio”. Specificando: “Anche dai commercianti è emerso quanto stasera siamo qui a dire: ci sono difficoltà del commercio in generale”.
Afferente sempre al centro storico la chiusura al traffico dello stesso nelle ore notturne nei fine settimana. “È stato fatto un esperimento – osserva il Consigliere Tizzani, portatore della mozione per revocare la chiusura – credo che ci siano tutti i dati necessari per trarre delle conclusioni”. E aggiunge: “Non è rispettato, è una presa in giro per i residenti”. Invita, così, il Comune a realizzare un “tavolo con tutti i Consiglieri, i commercianti, i residenti e le associazioni per valutare l’opportunità e le modalità di una pedonalizzazione per la realizzazione del centro storico come centro commerciale all’aperto”. Risponde il Consigliere Marco Carbone (Per Giacone): “revocare, sarebbe interrompere l’inizio di un progetto, tornando di fatto al punto di partenza”. L’Amministrazione, come spiega Giacone, vuole metter delle telecamere nel centro storico: “per la questione sicurezza e per poi poter procedere alla sua chiusura con un meccanismo simile alla ZTL”. Una scelta utile anche “a ridurre l’inquinamento dell’aria e acustico”.
A margine, osserva Barone, “c’è il problema che noi facciamo eventi e manifestazioni, ma i negozi sono chiusi”. Pronta la replica di Cappuccio: “non si può chiedere a un commerciante di tenere aperto anche la domenica. Magari quel giorno vuole stare con la propria famiglia?”. La sola programmazione turistica e culturale, secondo Cappuccio, non è sufficiente. Non è d’accordo il Consigliere Edoardo Favaron (Per Giacone): “Abbiamo pensato gli eventi culturali nell’ottica di una maggiore distribuzione di essi sulla Città. L’anno scorso abbiamo portato 3 eventi in piazza Maritano, ad esempio”. E annuncia: “Anche per la programmazione estiva abbiamo continuato con la stessa filosofia. Per quel che riguarda piazza Sant’Antero, ci saranno eventi anche lì”. Risponde così a Tizzani che aveva evidenziato: “Serve un intervento mirato sul centro storico alto”.
Operazione che seconda la consigliere Vilma Beccaria (Pd, Sinistra per Giaveno e Medici per l’Ospedale di Giaveno) “non è un problema che si è palesato da due anni a questa parte. Comincia almeno da quando è stata spostata l’Anna Frank e quando si è spostato il Centro Medico”. Per Beccaria stimolo per il centro storico è “la riqualificazione dell’ex Anna Frank”.
Entrambe le mozioni, quella di CambiAMO Giaveno per l’aiuto Comunale all’incremento del commercio nel centro storico e quella di Per Giaveno per la revoca della chiusura SEMPRE del centro storico vengono respinte.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

  1. Chiudere il centro storico al traffico e aprire due supermercati? Lamentarsi che i piccoli chiudono? Qualcosa che non mi quadra.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.