GIAVENO, IL “TG GONIN” CON GLI STUDENTI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dall’ISTITUTO “FRANCESCO GONIN”

GIAVENO – Un’iniziativa per accorciare le distanze attraverso la condivisione di contenuti multimediali. Ha preso ufficialmente il via in questi giorni IL “TG Gonin”, iniziativa multimediale lanciata dai ragazzi di IIIª B dell’Istituto Comprensivo “Francesco Gonin” di Giaveno.

Attraverso un sito web e un canale YouTube dedicato, gli studenti hanno la possibilità di trasformarsi in giornalisti in erba, realizzando dei video di approfondimento su temi di loro interesse (attualità, libri, sport e altroancora). Un modo non solo per cimentarsi nelle attività di videomaking, scrittura e ricerca, ma anche per mantenere i contatti tra loro, condividendo contenuti interessanti e liberamente fruibili.

Un’iniziativa ancor più lodevole se di pensa che è partita direttamente dai ragazzi. Sono stati
infatti gli alunni terza, “capitanati” dal compagno Filippo Canale, a farsi promotori, sin dall’inizio dell’anno scolastico, della nascita di “TG Gonin”.

Avvalendosi delle attrezzature video recentemente acquisite dalla scuola e della collaborazione dei professori Finatti e Allais, il “telegiornale” d’istituto sarebbe dovuto partire nel secondo quadrimestre. E con l’avvento del Coronavirus e la quarantena anche il progetto è stato adattato alle meccaniche della nuova didattica a distanza: “TG Gonin” è diventato per i ragazzi un’opportunità per confrontarsi tra loro ed andare alla scoperta del mondo.

Lavorando quindi da casa, tra una lezione virtuale e l’altra, hanno creato sito web e canale
Youtube. Su di essi è stato pubblicato un video tutorial in cui, oltre a spiegare lo scopo dell’iniziativa, viene illustrato come potervi contribuire in prima persona. Il “TG Gonin” infatti, pur essendo partito dalla IIIª B, si sta diffondendo anche all’interno delle altre classi dell’istituto, dando a tutti gli studenti possibilità di diventare reporter.

Un’iniziativa segno di una scuola che innova e che sostiene i ragazzi nella loro voglia di scoprire il mondo.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.