GIAVENO, LA RUFFINO AL COMUNE: “BISOGNA METTERE IN SICUREZZA I DUE PONTI”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

img_7444

di DANIELA RUFFINO  (Consigliere regionale Forza Italia)

GIAVENO – Ho presentato un ordine del giorno per individuare nell’assestamento al Bilancio di previsione della Regione, “risorse per l’erogazione di contributi ai Comuni per interventi di ripristino delle strutture e delle infrastrutture, pubbliche e private, colpite dall’alluvione e per interventi di mitigazione idraulica”.

Anche il Comune di Giaveno deve fare la sua parte disponendo di risorse provenienti dagli ingenti avanzi di amministrazione e dai fondi Ato in disponibilità all’ente.
Due importanti criticità già segnalate da tempo all’amministrazione Comunale sono relative a:
“INTERVENTI URGENTI PER LA MESSA IN SICUREZZA DEL PONTE DI RUATA SANGONE E DEL PONTE DALMASSI”
1) Disalveo a monte ed a valle dei ponti, aspetto sollecitato da molto tempo
2) Ripristino della scogliera nelle parti in cui ha ceduto, specialmente a seguito dell’evento alluvionale di questi giorni (comprese le fondazioni);
3) Verifica di tutta la scogliera con opportuni interventi di manutenzione.

Ritengo prioritari e non più procrastinabili questi interventi. Non ritengo di soffermarmi ora, sulle evidenti difficoltà’ di comunicazione del Sindaco e dell’amministrazione. Ciò che conta è tornare alla normalità. E’ importante ricordare come i lavori di manutenzione del territorio, fatti nel corso degli anni, con continuità di investimenti, abbiano preservato il territorio giavanese da danni che avrebbero potuto essere di gran lunga maggiori.
Ora occorre lavorare per proseguire in questa importante opera, a tutela di un territorio ampio e complesso, ma gestibile se curato cin costanza ed attenzione.
Ogni emergenza deve essere portatrice di azioni volte a scongiurare disastri. Per fare questo occorre lasciare da parte interventi che si possono definire di facciata e privilegiare sempre la sicurezza.
Con queste parole, intendo dare suggerimenti a fronte dell’esperienza di anni di amministratore e conoscenza del territorio.
Il maltempo di eccezionale intensità ha prodotto ingenti danni alle infrastrutture, alle attività produttive e a quelle agricole del Comune. La risposta delle istituzioni deve essere rapida. La Regione si faccia carico di coordinare tra tutti i Comuni un monitoraggio aggiornato. Bisogna continuare a vigilare e a prevenire, controllando costantemente la manutenzione delle opere sui corsi d’acqua e la correttezza degli interventi edilizi. Altro aspetto importantissimo  è il sostegno alle attività produttive. Se alla crisi economica si aggiungono le calamita’ naturali e le istituzioni non dimostrano di essere vicine al territorio, il declino rischia di farsi inarrestabile”.

 

img_7445

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.